facebook rss

Schianto mortale a Casenuove:
fatale l’invasione di corsia
Domani l’addio a Maria

OSIMO - Il fascicolo di indagine non è stato ancora consegnato in Procura ma dopo il nuovo sopralluogo della Pm di Osimo in via di Jesi dove ieri ha perso la vita la mamma di 46 anni, si fa sempre più strada l'ipotesi che il furgone Iveco, all'uscita di una semi curva, abbia sbandato centrando in pieno la C3
mercoledì 28 Nov 2018 - Ore 16:07
Print Friendly, PDF & Email

I soccorsi ieri pomeriggio durante il tragico incidente di Casenuove

 

Il fascicolo d’indagine deve essere ancora consegnato in Procura, ma al Comando della Poliziua locale di Osimo sembra prendere sempre più quota l’ipotesi di un’improvvisa invasione di corsia del furgone, ieri in via di Jesi a Casenuove, tra le cause più accreditate dell’incidente stradale, dove ha perso la vita Maria Amura. La  46enne  stava viaggiando a bordo di una Citroen C3. Uscendo da una semi curva, per cause ancora da chiarire, l’Iveco avrebbe sbandato e centrato in pieno l’auto con la giovane mamma. La donna, una guardia giurata di Osimo che lavorava per un istituto di vigilanza di Fano, non riuscendo a schivare l’altro mezzo, si sarebbe trovata nel posto sbagliato, al momento sbagliato. A breve, l’ospedale di Torrette dove l’autista 42enne di Santa Maria Nuova è ancora ricoverato, dovrebbe consegnare i referti della analisi tossicologiche ed etilometriche eseguite, per legge, sul paziente. Rappresentano il tassello finale per ricostruire tutto il mosaico del contesto in cui è avvenuto l’incidente mortale.

Maria Amura

Stamattina gli agenti della polizia locale di Osimo, coordinati dal comandante Graziano Galassi, hanno svolto un nuovo sopralluogo in via di Jesi. Sono stati cercati nuovi elementi di prova, come la presenza di tracce di frenata sull’asfalto. Sono state inoltre analizzate le carrozzerie dei due mezzi coinvolti nel sinistro e posti da ieri sotto sequestro per ricostruire l’esatta dinamica di questo scontro frontale. Oltre ai referti medici, gli agenti della Pm attendono anche di poter parlare con il conducente del furgone per verbalizzare la sua testimonianza. Sarà, comunque, la Procura a dover stabilire eventuali responsabilità. Se il quadro resterà invariato, tutto lascia intuire che si vada verso un’accusa di omicidio stradale.

 

Queste però sono le ore del dolore. Il funerale di Maria Amura sarà celebrato domani, giovedì 29 novembre, alle ore 14 nella chiesa parrocchiale di Padiglione, la frazione osimana dove questa giovane mamma viveva con la sua bambina di 8 anni. La camera ardente è stata aperta oggi pomeriggio alle 15 nella sala del commiato Vigiani di via Oscar Romero, a San Biagio di Osimo. Maria lascia nella sofferenza anche i suoi fratelli, Salvatore e Giovanni, e le cognate Anna e Francesca. Proprio sulla piccola Josephine, la bimba della 46enne, si sta concentrando l’attenzione dei parenti per avvolgerla di affetto e proteggerla. Maria era una donna solare, umile, onesta ma anche molto determinata, coraggiosa. Una ragazza che non si era mai piegata alle avversità della vita, come raccontano i colleghi di lavoro che avvieranno una raccolta fondi da destinare alla bimba. “Alla fine anche tu ci hai lasciato cara sorella, un altro vuoto che non si colmerà più. Non ti preoccupare alla tua bambina non mancherà il nostro amore. Tvb Maria” scrive in un messaggio addolorato ma anche di speranza, Salvatore, uno dei suoi fratelli.

Auto contro furgone a Casenuove: muore una giovane mamma

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X