facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Borrometi e Salvatore Borsellino a Jesi
per inaugurare una scuola alla memoria
del giudice antimafia

JESI - Tre appuntamenti in due giorni per parlare di lotta alla mafia, di legalità e per ricordare il giudice Paolo Borsellino, promossi dalle Agende Rosse - gruppo "C. Alberto Dalla Chiesa e E. Setti Carraro" di Ancona e provincia
Print Friendly, PDF & Email

 

Torna a Jesi Paolo Borrometi, dopo la notizia di un attentato sventato ai danni suoi e dei ragazzi della sua scorta, per presentare il suo libro, “Un morto ogni tanto”, che in meno di un mese dall’uscita è già alla quarta edizione.
Un libro ed una voce, libera e critica, che hanno provato in ogni modo a censurare, ma senza riuscirci. Dopo la pubblicazione del libro, sono arrivati insulti, nuove minacce di morte, querele ventilate con sapore intimidatorio. Segni evidenti che la sua testimonianza, come sempre resa con carte e documenti alla mano, è vera e molto scomoda. Giornalista d’inchiesta serio e coraggioso, Paolo Borrometi però non si ferma e continua a girare l’Italia per raccontare di mafiosi senza scrupoli votati dai politici, di deputati collusi, dello sfruttamento e della violenza che si nascondono dietro la filiera del pomodorino Pachino Igp, della compravendita di voti, del traffico di armi e droga, delle guerre tra i clan per il controllo del territorio. Di vicende che, partendo dalla Sicilia, riguardano tutto il Paese. C’è chi conta sul silenzio per assicurarsi l’impunità, ed è disposto a tutto per mettere a tacere chi rompe quel silenzio, ma Paolo Borrometi ci chiede al contrario di dare voce alle sue inchieste, per le quali ha messo e mette a rischio la sua vita, e di aiutarlo a diffondere ciò che qualcuno avrebbe voluto impedirgli di raccontare: “Non permettete, come stanno cercando di fare, che tutto possa passare nel dimenticatoio. Non permettetelo. Ne va della libertà di ognuno di Noi. Libertà, perché adesso basta: bisogna sapere cosa arriva sulle nostre tavole e quanto le mafie ci guadagnano, bisogna sapere di quei politici che sono in affari con i boss mafiosi, bisogna sapere che da Augusta e da Lentini parte la mafia peggiore, quella dei colletti bianchi e che arriva nelle più alte istituzioni del nostro Paese”. Borrometi ci mette in condizione di sapere, sta a noi decidere da che parte stare.

La scuola media inferiore Savoia che sarà intitolata a Paolo Borsellino.

Alla presenza dell’autore e di Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo, ucciso a Palermo il 19 luglio 1992, Agende Rosse – gruppo “C. Alberto Dalla Chiesa e E. Setti Carraro” di Ancona e provincia presenterà il suo libro “Un morto ogni tanto”. L’appuntamento è per lunedì 3 dicembre alle ore 21 al Palasport “E.Triccoli” di Jesi, in via Tabano.
Ingresso libero. E il giorno successivo, i due grandi nomi della lotta alla mafia incontreranno 800 studenti al palasport per parlare di legalità. Sempre martedì, Salvatore Borsellino e Paolo Borrometi, alla presenza di Autorità e Istituzioni locali, incontreranno e saluteranno la cittadinanza in occasione della scopertura della targa della scuola media “Paolo Borsellino” (già Duca Amedeo di Savoia). Appuntamento a Jesi, in corso Matteotti n.95 alle ore 15.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X