Sandro Zaffiri Spazio pubblicitario elettorale
facebook rss

Industria 4.0,
da gennaio il nuovo corso alla Politecnica

UNIVERSITÀ - Il progetto, legato al tessuto industriale fabrianese da tempo in affanno, mette in sinergia formazione e necessità delle imprese del territorio sulla rivoluzione del digitale. Previsti seminari nelle aziende partner. La presentazione è stata anticipata da un minuto di silenzio per le vittime di Corinaldo
Print Friendly, PDF & Email

 

L’Università Politecnica delle Marche fa un salto nel futuro. È stato presentato oggi il nuovo corso di perfezionamento sull’Industry 4.0, pensato insieme alle aziende del territorio e legato al tessuto industriale fabrianese, da tempo in difficoltà. Prima dell’inizio della conferenza, l’altoparlante dell’Ateneo ha annunciato un minuto di silenzio per le vittime di Corinaldo, ricordate anche nelle parole del presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Ancona, Alberto Romagnoli, secondo cui «con il perfezionamento tecnologico, perseguito da corsi come questo, si riducono anche i problemi di sicurezza, la cui assenza è stata probabilmente la causa della tragedia».

Obiettivo del nuovo corso, che partirà a gennaio, è quello di formare professionisti in grado di raccogliere le sfide della quarta rivoluzione industriale, ovvero quella del digitale, creando una sinergia tra Università ed imprese, come Ariston Thermo Group, Faber, Esisoftware, Visioning, Considi e Ask Industries, tra i partner del progetto.

A fare gli onori di casa è stato il preside della facoltà di Ingegneria, Marco D’Orazio – assente il Rettore Sauro Longhi per un lutto familiare -, che ha sottolineato anche il valore aggiunto del corso, che è quello di «dare un’opportunità in più nel trovare un lavoro, dal momento che viene fatto a fianco delle aziende».

Promosso dal dipartimento di Ingegneria Industriali e Scienze Matematiche e dal dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, il corso sarà diviso in sei moduli e prevede lezioni frontali teoriche il venerdì pomeriggio e seminari aziendali il sabato mattina: le lezioni, molte delle quali tenute da rappresentanti di aziende fornitrici di tecnologie e clienti di primaria importanza nel panorama nazionale ed internazionale dell’industria 4.0, si svolgeranno a Fabriano presso la sala congressi della Fondazione Cassa di Risparmio – che figura anche tra i partner – oltre che presso alcune aziende specializzate. Gli argomenti spaziano dall’informatica di fabbrica, alla Lean Manufacturing, passando per automazione industriale, tecnologie di base abilitanti per applicazioni Industria 4.0, normativa di sicurezza.
Gli studenti iscritti alla magistrale possono accedere al bando per ottenere i voucher della Regione e coprire dall’80% al 100% del costo dell’iscrizione, pari a 448 euro.
Da ricordare che il dipartimento di Ingegneria Industriali e Scienze Matematiche (DIISM) è uno dei 180 Dipartimento di Eccellenza selezionati dal Miur per il finanziamento Anvur con un progetto su additive manufacturing e industria 4.0. La Politecnica è attiva da tempo sul tema con altri corsi di perfezionamento già avviati (come quello sui Big Data) e sarà sempre più attenta e vicina alle esigenze del suo bacino territoriale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X