facebook rss

Scavi archeologici: scoperti
nuovi spazi del fratoio romano

OSIMO - Il sito di Montetorto, a Casenuove di Osimo, continua a sorprendere. Durante i recenti lavori di manutenzione sono riemersi orci contenenti olii per l’accumulo e la conservazione dei beni prodotti dall’impianto oleo-vinario andato in disuso all’inizio del II sec. d.C.
Print Friendly, PDF & Email

Ecco gli orci romani riaffiorati sull’area archeologica di Montetorto di Osimo, a Casenuove

Sono anfore romane rinvenute in un magazzino, andato in disuso all’inizio del II sec. d.C., quelle riaffiorate sul sito di Montetorto di Osimo durante i recenti lavori di manutenzione e scavo archeologico. Orci contenenti olii per l’accumulo e la conservazione dei beni prodotti dall’impianto oleo-vinario. “Con questi nuovi lavori l’area arechologica si amplierà di oltre 200 mq l’area restaurata e visitabile e dunque si porterà a fruizione un nuovo settore dell’impianto produttivo. – fa sapere la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche – Gli interventi di scavo, restauro e valorizzazione sono condotti sul campo dalla ArcheoLAB di Macerata, sotto la Direzione scientifica della SABAP – Marche (dott. Stefano Finocchi), attraverso il coordinamento sul campo del dott. Francesco Melia coadiuvato dai dott. Viviana Antongirolami, Samuele Grandoni, Alessandro Marini e Lorenzo Pizzichini e Mirco Zaccaria”.

Area archeologica di Casenuove, dagli scavi riemergono orci romani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X