facebook rss

Bliz antidroga nelle scuole, Rubini (Aic):
«Giuste le parole di Nobili»

ANCONA – Il consigliere comunale interviene in difesa del Garante dei Diritti, finito nell'occhio del ciclone – con tanto di richiesta di dimissioni da parte della Lega – per una lettera a Prefetto e Questore in cui auspicava metodi meno invasivi. «Chiediamo rispetto per l'autonomia della scuola»
Print Friendly, PDF & Email

Il consigliere comunale di Ancona di Altra idea di città, Francesco Rubini

 

 

«Pochi grammi di sostanze, che sono oggi perfettamente legali in paesi più civili del nostro come il Canada, l’Olanda o l’Uruguay (o non costituiscono reato come in Spagna, Portogallo, Austria o Germania,) sono oggettivamente un magro bottino per chi dovrebbe difendere la salute e la sicurezza dei nostri ragazzi». Anche il consigliere comunale di Altra Idea di Città, Francesco Rubini, interviene sul blitz con cani antidroga a scuola che sta generando un vero vespaio. Infatti, se da una parte è sceso in campo il Garante dei Diritti, Andrea Nobili – che con una lettera a Prefetto e Questore ha auspicato metodi meno invasivi per combattere l’uso di droga tra i giovani – dall’altra, il capogruppo regionale della Lega, Sandro Zaffiri, ne ha chiesto le dimissioni proprio per questa presa di posizione.
«L’ennesima dimostrazione di forza, in realtà – è l’osservazione di Rubini –, ha fatto bene soltanto agli sciacalli della Lega, sempre pronti a mostrare i muscoli con le categorie più oppresse della società e tanto indulgenti con chi procura voti e soldi in tutte le maniere possibili. Non è un caso che il Comando dell’Arma ammetta senza problemi che il nuovo ciclo di irruzioni nelle scuole sia effetto del nuovo Decreto Salvini e della logica militaresca che lo sorregge. La sensibilità del Garante Andrea Nobili – sottolinea – è stata benvenuta anche perché sottolinea la profonda ingiustizia di un potere politico che taglia i fondi al sociale e investe in repressione, innescando un circolo vizioso di proibizionismo che è fallimentare come la storia e le scienze sociali ci hanno da tempo insegnato. Il consigliere Zaffiri – punta il dito il capogruppo di Aic – ha perso invece un’occasione per tacere, entrando in un campo, l’educazione e la prevenzione dei danni da stupefacenti, nel quale non ha competenze,
La scuola pubblica ad Ancona ha bisogno di maggiori risorse non soltanto per riparare i muri ed i soffitti che crollano, ma per condurre la lotta alla droga al suo interno con gli strumenti della prevenzione, della riduzione del danno e del dialogo con le giovani generazioni. Gli insegnanti sono le figure che hanno le competenze e la responsabilità di operare sul campo e il loro ruolo deve essere rispettato e non scavalcato da estemporanee irruzioni in divisa.
Chiediamo maggiore rispetto per l’autonomia della scuola – conclude –, per gli insegnanti e per i giovani dei nostri quartieri popolari che tutti i giorni si sforzano, con i pochi mezzi oggi a disposizione di costruire percorsi di integrazione, inclusione e promozione sociale sociale».

Caso Nobili, scontro al vetriolo tra sindaca Mancinelli e consigliere Berardinelli (Fi)

Blitz antidroga nelle scuole, Zaffiri (Lega): «Il garante dei diritti Nobili si dimetta»

Perquisizioni anti-droga nelle scuole: il garante scrive a prefetto e questore

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X