facebook rss

Maxi risarcimento Cosmo,
Latini: “Da Pugnaloni solo bugie”
e annuncia querele

OSIMO - L'ex sindaco delle Liste civiche replica al primo cittadino democrat evidenziando che l'attuale amministrazione comunale invece di insinuarsi nel passivo del Fallimento Cosmo s.p.a. ha fatto causa al Tar chiedendo risarcimento per 1,5 milioni di euro per le opere stralcio della strada di bordo non realizzate. "E' stato un autogol"
Print Friendly, PDF & Email

Il cantiere di via Linguetta

Il centro nazionale della Lega del Filo d’Oro in via Linguetta a Osimo

“Quando la calunnia fatta a sistema non regge di fronte alla verità documentale dei fatti. L’attuale amministrazione comunale invece di insinuarsi nel passivo del Fallimento Cosmo s.p.a. ha fatto causa al Tar chiedendo risarcimento per 1,5 milioni di euro per le opere (stralcio strada di bordo) non realizzate. Le spese legali dell’insinuazione al passivo sarebbero state di 2.000 euro, quelle per il Tar sono di circa 20.000 euro (come da delibera Giunta Comunale). La curatela del Fallimento Cosmo s.p.a.si è costituita in giudizio rilevando l’incompetenza del giudice adito e prendendo atto dei documenti depositati dall’amministrazione comunale, ha chiesto 2 milioni euro di risarcimento per opere già realizzate in conto futuri oneri di urbanizzazione e ha preso atto che il verbale di riconsegna delle aree è stato firmato direttamente da Pugnaloni e non dal dirigente, mandando così tutti gli atti all’autorità giudiziaria competente. Questa la verità di ciò che è successo”. Replica così al sindaco di Osimo Simone Pugnaloni (Pd), carte alla mano, Dino Latini, ex sindaco di Osimo, candidato in pectore delle Liste civiche alle Comunali 2019

L’ex sindaco di Osimo, Dino Latini (liste civiche)

“Complimenti per il triplo autogol che il Comune di Osimo si è volutamente fatto in danno dei suoi cittadini. Rinunciare all’azione giudiziaria avventamene promossa è il minimo. – sottolinea Latini – Complimenti per la sfrontatezza a mistificare i fatti calunniando innocenti. Mostra una capacità senza confini nè limiti. Da brividi. Vedremo cose in questa campagna elettorale che nessun osimano ha mai visto prima. Quanto alla denuncia del 2015 sbandierata da Pugnaloni per ammaliare i consiglieri del M5S non è mai stata presentata in Procura nè risulta mai essere uscita dal Comune. Invece, depositeremo noi questa volta querela per diffamazione e calunnia, con richiesta di risarcimento, nei confronti di chi ha preteso troppo dalla sua spavalderia a spacciare bugie per verità, pensando che mai nessuno si sarebbe rivoltato a difesa dei suoi diritti. Spacciare che il Comune si deve difendere da un’ azione legale promossa dalla Cosmo spa incolpando i precedenti amministratori, quando in realtà’ e’ stato il Comune a promuovere, senza motivo ne necessita’, una azione giudiziaria, finendo per subire scacco, e’ troppo”.

Bypass di Padiglione, Cosmo srl chiede i danni al Comune

By pass di Padiglione incompiuto: il Comune ricorre al Tar

By pass di Padiglione, la Sala Gialla approva il disegno sul Prg

Dichiarato il fallimento della Cosmo srl, Marchionni: “Nessuna ripercussione sull’interesse pubblico”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X