facebook rss

La polizia festeggia 167 anni, il questore:
«Combatteremo il senso di insicurezza»
L’elenco dei premiati (Foto/Video)

ANCONA - Le parole del dirigente della questura Claudio Cracovia durante le celebrazioni per il 167 anniversario del corpo. «Bisogna aiutare la nostra gente a sentirsi a casa propria». Encomi e lodi agli agenti che si sono distinti nelle attività promosse sul campo: dagli aiuti portati alle popolazioni terremotate, agli arresti di pericolosi latitanti
Print Friendly, PDF & Email

 

di Federica Serfilippi

«Esserci sempre». In mezzo alla gente. Tra i pericoli. In ogni situazione. Il motto della Polizia di Stato è risuonato questa mattina durante le celebrazioni per il 167esimo anniversario della fondazione del corpo. La festa si è celebrata, come gli anni scorsi, in piazza Roma e ha richiamato le maggiori cariche istituzionali della città. Premiati tutti gli agenti che negli anni scorsi si sono distinti nelle attività condotte. Le parole del questore Claudio Cracovia, che ha preso in esame la situazione dei delitti commessi lo scorso anno nell’intera provincia, tracciando un quadro positivo eccetto che per i reati di spaccio, i furti in abitazione e le frodi informatiche: «Rimane ancora un grande cruccio: il sentimento di insicurezza vissuto da gran parte della popolazione rimane diffuso e questo nonostante gli sforzi ed i risultati conseguiti. Da questo discende un rinnovato impegno a ripensare metodi e strategia sinora seguiti, a rimodulare gli obiettivi dei progetti ed i format di intervento, non senza aver dato ascolto alle istanze che vengono dal territorio per voce degli abitanti, un territorio il cui tessuto sociale ha grande sete di legalità e tuttora grande fiducia nelle istituzioni, un patrimonio di senso civico da liberare verso adeguate e più moderne forme di sicurezza partecipata». E ancora: «Le persone devono tornare a riconoscersi come soggetti attivi degli ambienti urbani, temi di scottante attualità come la sicurezza e la vivibilità delle realtà urbane vanno affrontati con una visione, lucida libera da paludamenti ideologici o da fini di parte. Recuperare l’identità dei luoghi, esaltarne le specificità, aiutare la nostra gente a sentirsi a casa propria e ad esercitare quel controllo sociale che solo persone spinte a ritrovarsi in contesti pervasi da bellezza e armonia possono esercitare».

Il questore Claudio Cracovia

Ecco i premiati

Encomio solenne e medaglia di bronzo Carnegie: Primo dirigente Sabato Riccio per aver soccorso «un automobilista, rimasto bloccato all’interno del proprio veicolo a seguito di un grave sinistro stradale». Mondolfo (PU), 4 gennaio 2016. Encomio solenne: Vice ispettore Benedetto Fanesi e assistente capo coordinatore Pietro Golia ed encomio all’agente scelto Vincenzo Puzone per aver salvato «due donne, rimaste bloccate, in un sottopassaggio, all’interno di una macchina completamente sommersa dall’acqua». Ancona, 14 giugno 2018.  Encomio solenne: Sostituto commissario Dante Ciarafani, sostituto commissario Roberto Quargnal ed encomio a sovrintendente capo Sergio Pelagagge e sovrintendente Ilario Ceselli per aver catturato nel maggio 2016 in Portogallo il latitante Filippo De Cristofaro.  Encomio: Ispettore superiore Archimede Maggi per aver  «assicurato alla giustizia un pericoloso latitante, resosi responsabile di efferate rapine a mezzi di trasportanti valori». Foggia, 7 giugno 2016. Encomio: Assistente capo coordinatore Sergio Salvatore Lisi per aver arrestato un pusher e sequestrato  circa 6,5 chilogrammi di cocaina. Civitanova Marche (MC), 17 aprile 2016. Encomio solenne: Vice questore aggiunto Gennaro Natale, Assistente capo coordinatore Alberto Giustozzi per aver coordinato «una complessa attività di soccorso pubblico a tutela della popolazione a seguito degli eventi sismici registratisi il 24 agosto, il 26 e 30 ottobre 2016», a Camerino. Sempre gli eventi sismici di Camerino, encomio a sostituto commissario coordinatore Roberto Lezzi, vice ispettore Nelson Pasquali, sovrintendente Paolo Romagnoli, sovrintendente Paolo Bernardini, assistente capo coordinatore Luigi Faggiano, assistente capo coordinatore Roberto Montesi, assistente capo coordinatore Simone Neri, assistente capo Claudio Casci Ceccacci. Encomio: Ispettore superiore Francesco Ciuccatosta, sovrintendente Andrea Marini per aver sgominato gruppo dedito alla «truffa ai danni dello Stato e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina». Ancona, 8 giugno 2016. Lode: Vice questore Massimiliano Olivieri e ispettore superiore Paolo Brutti per aver diretto «un’attività di soccorso pubblico a tutela della popolazione a seguito degli eventi sismici registrati nei mesi di agosto ed ottobre 2016». Capodacqua–Pescara del Tronto- Arquata del Tronto (AP). Lode: Sostituto commissario Tiziana Maccari, sovrintendente capo Daniele Capotondo, sovrintendente capo Paola Cartuccia per aver catturato «un latitante di origine tunisina, resosi responsabile di violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia». Ancona, 24 giugno 2016. Lode: Sovrintendente Luciano Bontempo per «l’arresto di un latitante, ricercato per omicidio». Ancona, 19 maggio 2016. Lode: Sovrintendente Roberto Carletti e assistente capo coordinatore Mirco Catena per aver arrestato uno spacciatore e sequestrato circa quattro chili di droga. Ancona, 17 giugno 2016. Lode: Assistente capo coordinatore Marco Leone per «l’arresto di due pluripregiudicati, evasi dalla struttura detentiva Rebibbia».  San Benedetto del Tronto (AP), 18 febbraio 2014.

(foto di Giusy Marinelli)

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X