facebook rss

Allagamenti, fiumi in piena
e rami spazzati via:
provincia flagellata dal maltempo

ALLARME per le criticità meteo che da ieri si sono abbattute sul territorio dorico, con vento forte e pioggia battente. Sotto controllo i corsi d'acqua, in particolare l'Esino il cui livello si è ingrossato. Per il rischio idrogeologico del Misa, la Regione ha prorogato l'allerta arancione nell'area di Senigallia fino a domani pomeriggio. Incendio con black out a Osimo e incidente a Fabriano dovuto all'asfalto scivoloso
lunedì 13 Maggio 2019 - Ore 20:17
Print Friendly, PDF & Email

Il fiume Esino ingrossato

 

di Talita Frezzi

L’ondata di maltempo che si è abbattuta su tutta la Penisola sta creando notevoli disagi, in particolare in provincia di Ancona. Nella giornata di oggi i vigili del fuoco hanno registrato circa 70 interventi per i danni dovuti al maltempo, per lo più dovuti alla pioggia e al forte vento, rami caduti sulla sede stradale e sulle auto in sosta, allagamenti di scantinati e strade, coperture pericolanti, cartelli e insegne volati via. Ad Ancona i pompieri sono intervenuti per rimuovere alcune parti di copertura e per la messa in sicurezza della chiesa di Varano. Preoccupano anche alcune strade di Gallignano, ridotti a fiumi di fango dalla scorsa domenica, quando una bomba d’acqua si era scatenata contro le zone periferiche del capoluogo. Massima allerta anche per i fiumi della provincia, che sono monitorati costantemente dalla Protezione Civile Regionale.  A Jesi è monitorato l’Esino, che già da ieri ha superato la soglia di allarme a monte. Anche alcuni torrenti si stanno ingrossando. La situazione è costantemente monitorata dalla Protezione civile e dalla Polizia locale, in città si è insediato il Coc-Centro operativo Comunale. A fare il punto è il vice comandante della Polizia locale Filippo Peroni: «Abbiamo allertato anche i residenti delle zone a rischio come via del Burrone, Coppetella, Gangalia, Roncaglia che si trovano nelle immediate vicinanze del fiume Esino».

Una strada di Gallignano (foto di Luca Carloni)

Le pattuglie della Polizia locale – coadiuvate dall’Area servizi tecnici del Comune – sta presidiando con apprensione i ponti, i sottopassi e i corsi d’acqua. Pronti a scattare i piani di protezione civile se si rendessero necessari a fronte di un’eventuale esondazione. «Al momento il maltempo non ha causato riscontri negativi, ma siamo allerta», conferma Peroni. Il Comune di Jesi tramite il servizio whatsapp invita i cittadini alla massima prudenza in prossimità di ponti, ponticelli e sottopassi.
Anche a Castelbellino c’è massima attenzione in particolare per la frazione Stazione, per via Molino, la contrada Pantiere, Scorcelletti e le abitazioni che insistono vicino al fiume. Per quanto riguarda Senigallia, la Regione Marche ha prorogato fino alle 14 del 14 maggio l’allerta arancione per criticità idraulica e idrogeologica. Ha rischiato di creare problemi ad Osimo l’incendio partito dal contatore elettrico in un palazzo di via Ss. Benvenuto e Rocco con 10 appartamenti. L’allarme è scattato oggi pomeriggio verso le 19 e i vigili del fuoco del distaccamento di San Sabino, abbastanza vicini al luogo dove era scoppiato il fuoco sono riusciti a intervenire tempestivamente per domarlo prima che il fumo pervadesse ogni ambiente. La corrente elettrica, però, è saltata e si è registrato il black out nei singoli appartamenti, Una decina di famiglie è rimasta senza luce. A Offagna invece verso le 15.30, sotto la spinta delle raffiche di vento ha ceduto un palo della rete telefonica e il cavo è piombato su via Pago, chiusa la traffico per circa 2 ore, fino a quando i vigili del fuoco ed i tecnici non hanno messo in sicurezza l’area. L’asfalto reso viscido dalla pioggia, verso le 14,30 di oggi , a Fabriano ha fatto scontrare al centro della carreggiata della Sp 15 (direzione Attiggio) due auto. Il bilancio dello scontro è di due feriti trasportati, non in gravi condizioni, al pronto soccorso dell’ospedale ‘Profili’. Secondo i primi rilevi della Polizia locale una delle due vetture ha invaso l’altra corsia di marcia per cause ancora da chiarire. Al volante di una Volkswagen Golf viaggiava la fabrianese di 53 anni B.C., mentre il concittadino 73enne L.C. era alla guida di una Citroen Berlingo.

Maltempo, preoccupa l’Esino «Superata la soglia d’allarme»

Maltempo, treni sospesi: annullato il convegno con lo storico Cardini

Maltempo, tir finisce fuori strada a Genga

Pioggia e vento, il fiume Misa sorvegliato speciale a Senigallia

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X