facebook rss

Blitz dei ladri in enoteca,
spariti spiccioli e vini pregiati

JESI - I banditi hanno colpito in pieno centro nel tardo pomeriggio, vittima per la seconda volta l'enoteca Partnerwine
domenica 23 Giugno 2019 - Ore 22:15
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri durante il sopralluogo all’enoteca Partnerwine

 

di Talita Frezzi


Un furto è stato messo a segno nel tardo pomeriggio di oggi ai danni dell’enoteca “Partnerwine” di via Mura Occidentali a Jesi. Ignoti, approfittando della domenica con la città semi deserta, hanno forzato la porta d’accesso del locale enoteca, al civico 19a di via Mura Occidentali, pieno centro.
Hanno messo mano al ricevitore di cassa, portando via degli spiccioli e alcune bottiglie di vino pregiate. Ma il loro raid è stato interrotto bruscamente, forse dal passaggio di qualcuno, tant’è che sono scappati a gambe levate e hanno lasciato la porta aperta. Due passanti, insospettiti dalla porta aperta ma dall’attività che sembrava chiusa per turno domenicale, hanno chiamato il 112, facendo scattare il sopralluogo dei carabinieri del Radiomobile della vicina Compagnia. Intanto, i negozianti vicini hanno avvisato la titolare dell’enoteca, Michela Gioia, che parallelamente all’attività gestisce un importante sito di vendita on-line di vini marchigiani ed è anche una delle principali Influencer marchigiane in materia di vino tramite il suo blog “enogioia”.

La titolare dell’enoteca Michela Gioia

I banditi sono scappati con pochi spiccioli di fondocassa e alcune bottiglie, è in corso l’inventario degli ammanchi. Grande rammarico della giovane titolare, quella di oggi pomeriggio è la seconda visita dei ladri che mette in difficoltà questa attività commerciale. «Meno male – dice Michela Gioia – che il web ed i clienti ci stanno premiando con la loro stima, altrimenti la prima cosa che ti viene in mente è quella di chiudere ed andar via. Ringrazio i carabinieri per il loro pronto intervento e la professionalità, ma anche grazie ai due passanti che con la loro preziosa segnalazione hanno evitato che i danni fossero ben peggiori». Indagini in corso.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X