facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Il sogno di Lollo Farinelli si è avverato:
Calogero ha sconfitto la malattia

CON UN POST su Facebook il siciliano affetto da linfoma Non-Hodgkin ha annunciato alla rete la guarigione e il percorso svolto all'ospedale di Tel Aviv. Una battaglia vinta anche grazie ai 200mila versati dalla famiglia del medico morto lo scorso febbraio
Print Friendly, PDF & Email

Calogero

 

Calogero Gliozzo ce l’ha fatta. Il giovane siciliano affetto dal linfoma Non-Hodgkin è guarito dopo aver lottato come un guerriero. Al suo fianco, il pensiero e la speranza di Lollo Farinelli, il medico 34enne anconetano affetto dalla stessa malattia di Calogero e scomparso lo scorso febbraio dopo aver lanciato sul web una raccolta fondi per sostenere una cura sperimentale negli Stati Uniti. Prima di partire, il male se l’è portato via. E i familiari, proprio come avrebbe voluto Lorenzo, dopo il funerale avevano deciso di donare parte dei soldi raccolti (200mila euro) alla causa di Calogero. Anche grazie al sostegno della famiglia di Lollo, il siciliano è volato a Tel Aviv per combattere la sua battaglia e vincerla. La felicità è esplosa con un lungo post sulla pagina Facebook ‘Aiutiamo Calogero’, nata per supportare economicamente le cure del siciliano. «Ciao a tutti, finalmente posso aggiornarvi sulle mie condizioni. Dopo un lungo ricovero, durato tanto per via dei forti effetti collaterali della terapia, ho fatto degli accertamenti che hanno confermato l’assenza di malattia.

Lorenzo Farinelli

Il referto indica una regressione totale. Naturalmente mi aspettano i controlli di routine, nella speranza che questo risultato si mantenga nel tempo! Le emozioni sono state tante e contrastanti. Innanzitutto incredulità sull’esito, perché dopo due anni di cattive notizie è dura riuscire a gioire e credere nell’arrivo di una buona. L’ultimo periodo trascorso e tutta la negatività e che ci è piombata addosso hanno lasciato un segno indelebile nelle nostre anime, cambiando completamente il nostro modo di percepire e vivere la vita. Quando, poi, durante il corso della giornata abbiamo metabolizzato il tutto siamo stati inondati da un senso di profonda felicità e serenità. Non potrò mai ringraziare abbastanza tutti coloro che si sono attivati e hanno contribuito affinché quest’ultima speranza diventasse una possibilità concreta. Credo che dalla mia storia si possa evincere quanto sia fondamentale ritrovare quel senso di comunità che abbiamo perso a favore dell’esaltazione dell’individuo che da solo è fragile e debole. Uniti si è più forti. Un forte abbraccio a tutti e un grazie di cuore per aver contribuito a salvarmi la vita».

Una folla per l’addio a Lollo, La mamma: «Grazie a tutti voi, un’ondata d’amore per mio figlio»

E’ morto Lorenzo Farinelli, il medico malato di linfoma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X