facebook rss

Nuova piazza d’Armi,
scintille in Consiglio
Tombolini: «Non ci sono i soldi»

ANCONA – Il capogruppo di 60100 attacca l'assessore ai Lavori pubblici Paolo Manarini, che replica: «dal progetto di fattibilità tecnica ed economica che risulterà vincitore del bando avremo il differenziale che eventualmente dovrà essere messo a bilancio dal Comune»
martedì 9 Luglio 2019 - Ore 09:57
Print Friendly, PDF & Email

Il mercato di piazza d’Armi (foto d’archivio)

 

Sono volate scintille ieri  in Consiglio comunale durante la discussione di un’interrogazione sul progetto di restyling di piazza d’Armi, con un decisamente molto acceso botta e risposta su una partita dal valore stimato di 7,3 milioni di euro.
Il capogruppo 60100 Stefano Tombolini ha attaccato la giunta e, in primis, l’assessore ai Lavori pubblici Paolo Manarini, affermando che «le risorse per la riqualificazione non ci sono. Il sindaco non ha detto la verità all’assemblea pubblica del 2 luglio dalla Confartigianato, quando ha sostenuto che il Comune abbia i soldi per realizzare gli interventi. La verità – punta il dito il consigliere – è che nel piano triennale dei Lavori pubblici, l’amministrazione ha stimato per la riqualificazione 7,3 milioni, ma nella voce forma di finanziamento, c’è scritto finanza di progetto, quindi, di fatto, al momento le risorse non ci sono». Pronta la replica di Manarini, che puntualizza come «al momento sia stato pubblicato il bando per il concorso di progettazione per la nuova piazza d’Armi. Dalle risultanze del progetto di fattibilità tecnica ed economica che vincerà il bando, avremo il totale dei costi, dei ricavi e del differenziale che eventualmente dovrà essere messo a bilancio dal Comune con il prossimo piano triennale 2020/2022». L’assessore ha anche fatto sapere che, per portare a casa il progetto, «saranno individuati lotti funzionali che dovranno essere avviati senza creare interruzione delle attività presenti e, quindi, con tempistica diversa. Conseguentemente verranno stanziate le risorse a bilancio negli anni di competenza. Ad oggi, sono già stati impegnati 90mila euro per il bando di progettazione». I professionisti hanno tempo fino al 5 agosto per presentare al Comune le proprie idee per la piazza 2.0 che dovrà essere fruibile sette giorni su sette, con punti di ristoro, market con 45 box, 68 stalli per gli agricoltori e 155 per gli ambulanti, oltre a un’area commerciale da 250 mq, una struttura di vendita da 1500 mq e parcheggi pubblici gratuiti.

Bando da 7 milioni per la nuova piazza d’Armi, Foresi: «Un progetto che rivoluzionerà il quartiere»

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X