facebook rss

In vacanza a Senigallia,
rubano all’Ipercoop:
arrestati quattro giovani

SENIGALLIA - Si tratta di tre ragazzi e una ragazza, tutti di origine moldava. Hanno preso all'interno del centro commerciale Il Maestrale prodotti di cosmetica, surgelati, capi d'abbigliamento e intimo. Uno di loro aveva addirittura indossato quattro paia di slip dopo aver staccato l'antitaccheggio
lunedì 15 Luglio 2019 - Ore 20:21
Print Friendly, PDF & Email

 

I carabinieri di Senigallia intervenuti all’Ipercoop Il Maestrale

 

I carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno arrestato quattro giovani, di origini moldave, per furto in concorso. Si tratta di tre ragazzi, rispettivamente di 19, 20 e 24 anni, e di una ragazza di 18, che sono arrivati in vacanza a Senigallia una settimana fa, prendendo in affitto un bilocale nel centro.
Ieri sera due pattuglie del Nucleo Radiomobile sono intervenute al centro commerciale Ipercoop Il Maestrale sulla strada statale Adriatica Nord, dove il personale addetto alle differenze inventariali aveva fermato quattro giovani dopo che si erano impossessati di vari capi di abbigliamento ed intimo, cosmetici e alcuni generi alimentari surgelati, senza effettuare il pagamento. Anzi, un pagamento lo avevano effettuato, perché uno dei quattro aveva acquistato due bibite in lattina ed una pizza surgelata. Nell’attraversare le barriere dell’uscita i sensori antitaccheggio non si sono attivati facendo scattare i controlli. Infatti gli addetti alla vigilanza, attraverso il sistema di videosorveglianza, avevano notato poco prima il gruppetto nei pressi del camerino di prova. I ragazzi erano entrati a turno con articoli d’abbigliamento, uscendo senza nulla. Uno di essi era entrato nel camerino di prova portando con se il cestino per la spesa di colore rosso, di quelli messi a disposizione dal negozio, visibilmente pieno di articoli tessili e cosmetici. Quando era uscito, dopo essersi intrattenuto per alcuni minuti con gli altri compagni di gruppo, aveva in mano solo gli involucri cartacei della merce privi del loro contenuto. Il ragazzo aveva abbandonato le confezioni vuote sotto un espositore. Il cestino invece era stato lasciato dal ragazzo in corsia. I carabinieri, giunti sul posto, hanno preso in consegna i quattro giovani ed hanno controllato all’interno del camerino di prova senza rinvenire nulla. I quattro fermati, messi davanti all’evidenza delle contestazioni, spontaneamente hanno consegnato la merce sottratta, che avevano occultato addosso o nelle borse. Uno dei ragazzi sotto i pantaloni aveva indossato addirittura quattro paia di slip. Agli articoli erano state staccate le etichette con i codici a barre e le placche antitaccheggio. I militari hanno recuperato la refurtiva ed hanno condotto i ragazzi in caserma. Tra loro vi era anche un minorenne che è stato segnalato in stato di libertà. Tutta la merce, del valore di circa 200 euro, dopo l’inventario è stata restituita al responsabile legale del punto vendita. I ragazzi invece sono stati accompagnati dai carabinieri nell’appartamento preso in affitto. Il tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto obbligatorio senza applicare misure coercitive in attesa del processo.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X