facebook rss

Via Rupi nel degrado, Foresi assicura:
«Entro settembre il restyling»

ANCONA - L'assessore, rispondendo a un'interrogazione in Consiglio, ha sottolineato: «Per ora ipotizziamo una spesa di almeno 20mila euro»
Print Friendly, PDF & Email

Una scalinati di via Rupi transennata

 

di Giampaolo Milzi

Via Rupi Comunali, nobile arteria del cuore del centro storico decaduta nel cronico degrado, tornerà ad essere una delle più belle cartoline di Ancona. Lo ha promesso oggi in sostanza, in Consiglio Comunale, l’assessore alle Manutenzioni Stefano Foresi. Rispondendo ad una interrogazione sulla vergognosa vicenda presentata dalla consigliera leghista Antonella Andreoli. La quale a sua volta aveva preso spunto dai due reportage pubblicati da Cronache Ancona il 21 e il 28 giugno.

L’assessore alle Manutenzioni, Stefano Foresi

Di poche parole, ma ottimista, Foresi, a proposito della rinascita della stradina di origini medievali che con un suggestivo e panoramicissimo percorso a zig zag scende da piazza Stracca fino a piazza Dante cingendo il fianco sinistro del monumentale Palazzo degli Anziani: «Gli uffici preposti stanno già lavorando a un progetto e ad un preventivo costi per la completa pulizia e ristrutturazione, per ora ipotizziamo una spesa di almeno 20mila euro, il cantiere dovrebbe essere ultimato a settembre». Già, 20mila euro, settembre. Previsioni realistiche? Mah, il dubbio viene. Anche perché lo stesso Foresi ha detto che i lavori per via Rupi «partiranno in coda a quelli già previsti per il consolidamento in più tratti delle recinzioni protettive di via Giovanni XXIII», la strada coi tornanti che porta alla cattedrale di San Ciriaco. Recinzioni protettive che giacciono in condizioni di gravissima precarietà dalla primavera scorsa, con tre fasce in cui le sbarre di ferro risultano piegate e i piccoli muretti verticali in cui le stesse sbarre si inseriscono profondamente crepati e in un caso addirittura a rischio frana. Transennate da mesi, quelle fasce a servizio dei passanti, con assi di legno e i classici striscioni biancorossi che annunciano pericolo. Gli stessi accorgimenti che i tecnici del Comune il 27 giugno avevano approntato in più “passaggi” di via Rupi Comunali. Dopo che la stessa era stata oggetto di un accurato sopralluogo da parte dei carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale. I quali avevano scritto due lettere perentorie, una al Comune e una alla Soprintendenza Unica delle Marche – all’ente locale perché proprietario della via, alla seconda istituzione dipendente dal Mibact in quanto l’antichissima via è oggetto di un vincolo e quindi tutelata come importante bene architettonico/paesaggistico – auspicando corposi interventi per la messa in sicurezza e l’eliminazione dei rischi per i passanti.

Quanto all’adeguatezza dei 20mila euro ipotizzati in prima battuta per gli interventi, anche qui qualche perplessità è ammessa. Proprio perché corposi. Gli operai dovranno eliminare numerose buche e avvallamenti di scalinate e selciato, crepe più o meno profonde lungo le opere in muratura con rimozione dei mattoni distaccatisi, erbacce infestanti da effetto “savana urbana”, sporcizia “a go go”, riaggiustare gli impianti d’illuminazione compromessi, togliere di mezzo spuntoni di ferro sporgenti, bonificare l’area con i tre arconi con altrettanti ambienti voltati che custodiscono i proiettili di pietra che ai tempi di Ancona Repubblica marinara venivano lanciati con le catapulte contro i nemici che attaccavano dal mare. Inoltre dovranno bonificare e ristrutturare anche i tre ampi accessi sbarrati – dalla coperture in lamiera cadenti e anch’essi trasformatisi in giungle – al sito archeologico risalente al X – XIII secolo abbandonato che s’incunea nel fianco di Palazzo degli Anziani. E non finisce qui. Il Ntpc è intervenuto anche a difesa della struttura con le campane in cima al Palazzo: le radici e i rovi delle immancabili erbacce stanno fendendo e rendendo instabile parte della muratura sopra l’orologio; una situazione di pericolo da eliminare al più presto.

Via Rupi nel degrado, il Comune corre ai ripari

I “carabinieri della cultura” nel degrado di via Rupi Comunali

Via Rupi Comunali, una cartolina stracciata dal degrado

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X