facebook rss

Troppi clienti all’interno del locale,
scattano i sigilli di sequestro

SENIGALLIA - Colpito uno chalet situato sul lungomare Da Vinci, più volte incappato nelle ultime settimane nei controlli degli agenti del Commissariato. Denunciati i titolari
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Troppi clienti all’interno di uno chalet, scattano i sigilli di sequestro per motivi di sicurezza. Si tratta di un locale, il 18 Nodi, situato sul lungomare Da Vinci, punto di riferimento per la movida senigalliese. A notificare il provvedimento sono stati gli agenti del Commissariato che fin dal mese di giugno hanno effettuato mirati accertamenti all’interno del locale, in occasione delle diverse serate organizzate. Stando a quanto contestato, in occasione dei primi controlli sono emerse delle anomalie tra le autorizzazioni di cui il locale era in possesso e quanto in realtà si verificava all’interno; in particolare gli agenti hanno accertato che, nonostante il titolo autorizzatorio consentisse la presenza di 200 persone all’interno di un’area definita,c’erano diverse centinaia di persone- certamente superiori alle 200 prescritte- che prendevano parte agli eventi, ballando ed occupando anche le altre aree del locale. Di fatto, stando alla polizia, si verificava che, difformemente da quanto previsto  nel titolo autorizzatorio, l’iniziativa danzante si svolgeva nell’intera area a disposizione dello stabilimento e non solo nella zona delimitata per il ballo. Poiché tale situazione cozzava con le prescrizioni  in materia di pubblica sicurezza, la polizia ha informato la procura. Il gip ha così emesso un decreto di sequestro preventivo a carico dei titolari dello stabilimento balneare che, dunque, risultano indagati per il reato di apertura abusiva di locali di pubblico spettacolo. Gli agenti del Commissariato di Polizia nella giornata di ieri hanno notificato il provvedimento di sequestro, applicando i sigilli allo stabilimento. Gli è stata consentita la possibilità di fare accedere non più di 200 persone all’interno di tutta l’area in uso ai titolari.

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page