facebook rss

Geloso, picchia la compagna
con una mazza da baseball
e la chiude in casa

FALCONARA - Questa notte è finito in arresto un 42enne napoletano per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Le manette sono scattate al termine di un susseguirsi di violenze e vessazioni
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Picchia la compagna con una mazza da baseball, la chiude in casa e le rompe una costola. Sono gli episodi di violenza attribuiti a un 42enne napoletano, arrestato questa notte per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate, reati commessi nei confronti della compagna convivente, una 36enne. A mettergli le manette ai polsi sono stati i carabinieri della Tenenza di Falconara, guidati dal tenente Michele Ognissanti. Sono intervenuti nell’abitazione della coppia a seguito dalla segnalazione di un vicino che, intorno alle 2, ha segnalato al centralino come la 36enne fosse stata dapprima inseguita, poi aggredita nella corte condominiale, dal suo compagno, un pizzaiolo che lavora ad Ancona. Prontamente intervenuti, i militari calmavano l’uomo che ancora dava in escandescenze ed acquisivano tutti gli elementi necessari a delineare quello che era l’ultimo episodio di una lunga serie di maltrattamenti. L’uomo, geloso della giovane compagna 36enne, anche lei di origini partenopee, in diverse occasioni le avrebbe impedito anche di andare al lavoro sottraendole le chiavi di casa arrivando, nello scorso Ferragosto, anche a chiuderla nella sua camera da letto per l’intera mattinata, senza neppure procurarle il pranzo. Inoltre, nei primi giorni di questo mese, la donna era stata ripetutamente percossa con una mazza da baseball che, fortunosamente, non aveva provocato danni gravi. Non è andata meglio questa notte. A causa delle botte ricevute, la donna è stata portata al pronto soccorso di Torrette. Le è stata diagnosticata l’infrazione di una costola. La costringerà a 20 giorni di malattia. Per l’uomo sono quindi scattate immediatamente le manette in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X