facebook rss

Traffico internazionale di droga,
sgominati vertici di un’organizzazione

ANCONA - Operazione della Squadra mobile, arrestati due nigeriani: un 27enne, considerato il capo, e il braccio destro di 31 anni. Entrambi clandestini e già colpiti da un decreto di espulsione. Secondo gli inquirenti erano al vertice di un sodalizio di 13 connazionali dediti allo spaccio. Sequestrato oltre un etto di marijuana
Print Friendly, PDF & Email

La marijuana sequestrata

 

Uno è considerato il capo di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio, l’altro il suo braccio destro. Entrambi clandestini e già colpiti da un decreto di espulsione. Sono arrestati ieri pomeriggio dalla Squadra mobile di Ancona, con l’accusa di spaccio in concorso, due cittadini nigeriani: A. A. di 27 anni e D. J. di 31. Sequestrato oltre un etto di marijuana. I due sono stati fermati dagli agenti in zona Piano e uno di loro aveva con sé del mannitolo, sostanza di solito usata per tagliare le dosi di droga. Così è scattato un controllo più approfondito sui due. Innanzitutto è emerso che entrambi non erano in regola con i documenti, a seguito al diniego dello stato di rifugiati politici infatti, il questore di Ancona aveva già emesso un decreto di espulsione nei loro confronti. Non solo, la coppia era già stata arrestata dalla polizia in quanto facente parte, a livelli apicali, di una vasta organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti con rinvenimento e sequestro di decide di chili di droga. In particolare il più giovane è considerato il capo dell’organizzatore composta da 13 cittadini nigeriani e l’altro il suo braccio destro. Quest’ultimo, inoltre, era uscito dal carcere proprio all’inizio di agosto 2019 dopo due anni di reclusione. A quel punto gli agenti hanno individuato con non poche difficoltà, un appartamento in via Mamiani dove i due nigeriani alloggiavano clandestinamente grazie all’ospitalità di un altro connazionale. Durante la perquisizione domiciliare, i poliziotti hanno rinvenuto due grossi involucri di marijuana (oltre un etto in tutto, appunto) nascosti dentro un materasso, sotto il quale era stato appositamente creato un foro come nascondiglio. Nel corso della perquisizione sono stati sequestrati anche 350 euro, ritenuto sicuro provento dell’attività di spaccio. Per i due sono stati disposti i domiciliari in attesa del giudizio direttissimo e convalida previsti per questa mattina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X