facebook rss

Anconitana soffre di pareggite,
fischi dei tifosi e applausi a Mastronunzio

ECCELLENZA - Finisce a reti inviolate il match giocato al Del Conero contro il Montefano in cui milita la bandiera biancorossa. Contestazione a squadra ed allenatore per il quarto pareggio consecutivo, la vetta è ora distante cinque punti
Print Friendly, PDF & Email

 

 

di Lorenzo Agostinelli

Termina a reti inviolate la partita tra Anconitana e Montefano, tra le accese contestazioni dei tifosi dorici a squadra ed allenatore. Volitivi gli uomini di Ciampelli, che creano molto ma non riescono a concretizzare, ottenendo così il quarto pareggio consecutivo. Si difende magistralmente la compagine ospite che non è mai stata seriamente in difficoltà pur non essendo mai stata veramente pericolosa. Fischi per i loro giocatori ma applausi scroscianti e cori dei tifosi biancorossi per l’ex Mastronunzio, salutato molto calorosamente. Con questo pareggio la squadra di mister Ciampelli scivola al quinto posto, scavalcata dal Castelfidardo, vittorioso con punteggio tennistico sul campo dell’Atletico Alma, ed ora a più due. In vetta l’Atletico Gallo Colbordolo, che sbanca Urbania e vola a più cinque dai dorici. Vittorioso ieri anche il Porto d’Ascoli, per 2 a 0, in casa contro la Vigor Senigallia e si porta a più due, appaiato al Castelfidardo: insomma una classifica inimmaginabile all’inizio per quella che doveva essere la favorita numero uno del massimo campionato regionale.

La cronaca. Parte forte la squadra di Ciampelli, dopo appena cinque minuti Giambuzzi mette Zaldua solo davanti a Rocchi con il numero nove che calcia basso e centrale tra le mani del portiere. Continua a giocare e a crescere l’Anconitana ed a metà primo tempo Del Moro salva sulla linea un colpo di testa di Ambrosini, in anticipo su Rocchi in uscita. Poco dopo un errore di Pierdomenico mette Bonacci davanti a Battistini, ma il numero uno dorico non si fa sorprendere e devia in angolo la ghiotta occasione per gli ospiti. Scontro di gioco al 25esimo, Micucci deve lasciare il campo. Per lui sospetto trauma cranico, dopo la sostituzione è stato trasportato in barella all’interno dell’ambulanza che l’ha trasferito all’ospedale di Torrette con un codice giallo per tutti gli accertamenti del caso. Intorno alla mezzora i tifosi di casa interrompono momentaneamente il tifo: dalla curva si leva l’inno dei pompieri, ad omaggiare i tre vigili del fuoco deceduti in settimana ad Alessandria, seguito poi dal magnifico applauso di tutto lo stadio. La prima frazione termina con poche emozioni da ambe le parti. Il secondo tempo ricomincia sulla falsariga del primo, con i dorici che spingono molto ma non riescono a trovare la via del gol. Intorno al decimo Magnanelli ci prova da fuori e deve volare Rocchi per evitare il gran gol del centrocampista di casa. La partita è bloccata, i dorici continuano a sbattere sulla granitica difesa del Montefano ed il nervosismo inizia a serpeggiare in campo e tra gli spalti. Intorno alla mezzora Mansour viene atterrato in area da Donnari: tra le proteste generali il signor Loiodice nega il penalty ai padroni di casa. Ci provano fino alla fine i biancorossi senza però riuscire a scardinare la difesa viola: il match termina a reti bianche, fischi dai tifosi. Terminata la partita una delegazione della Curva Nord consegna una corona di fiori ai vigili del fuoco della stazione di Ancona, ad omaggiare ancora più intensamente i tre pompieri deceduti in settimana ad Alessandria.

Il tabellino:

ANCONITANA (4-3-3): Battistini 6; Pierdomenico 6, Micucci 6 (27’ p.t. Bordi 6), Mercurio 6, Trombetta 5.5; Visciano 6.5, Giambuzzi 5.5, Magnanelli 6; Zaldua 5 (26’ s.t. Cameruccio 6), Mansour 5.5, Ambrosini 6. A disp.: Montuoso, Baciu, Zagaglia, Bruna, Marzioni, Borghetti, Bartoloni. All.: Ciampelli.

MONTEFANO (4-3-3): Rocchi 6; Donnari 6, Del Moro 6.5, Pigini 6.5, Moschetta 6.5; Garofoli 6 (19’ s.t. Vipera 6), Gigli 6.5 (43’ s.t. Pucci s.v.), Carotti 6; Latini 6 (31’ s.t. Palmucci 6), Mastronunzio 6, Bonacci 6 (48’ s.t. Ezzaitouni s.v.). A disp.: Pettinari, Mengoni, Camilloni, Donati, Silvestroni. All.: Lattanzi.

TERNA ARBITRALE: Loiodice di Collegno (Bellagamba di Macerata e Alesi di Ascoli).

NOTE: spettatori: 2000 circa. Espulsi: Giuliodori (dalla panchina). Corner: 7 – 3. Recupero: 5’ (2’ + 3’).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X