facebook rss

Giornata per la lotta all’Aids, flash mob
al Passetto: «Mai abbassare la guardia»

ANCONA – I nuovi casi di infezione da HIV nelle Marche sono stati 60 nel 2018. Butini, dirigente di Immunologia clinica a Torrette: «la cosa peggiore che può capitare ad una persona è avere l'HIV e non saperlo». Tante le iniziative per il 1 dicembre
Print Friendly, PDF & Email

Conferenza di presentazione delle iniziative per il 1 dicembre

 

È in diminuzione il dato sui nuovi casi di infezione da HIV nelle Marche: sono 60 quelli accertati nel 2018, a fronte dei 91 dell’anno precedente. Numeri che restano tuttavia temibili perché non sconfiggono la piaga delle diagnosi tardive della malattia, rimasta inalterata da 10 anni a questa parte. È l’analisi del dottor Luca Butini – dirigente dell’Immunologia clinica dell’ospedale di Torrette e presidente Anlaids Marche – riguardo ai dati forniti dal ministero della Sanità con l’avvicinarsi del 1 dicembre, Giornata mondiale per la lotta all’Aids. «Se è vero che ci sono farmaci capaci di impedire al virus di replicarsi, rendendo così il soggetto non più infettivo, è altrettanto vero che tante persone (prevalentemente uomini di età compresa tra i 30 e i 48 anni), non sanno di avere contratto il virus, non si preoccupano di fare controlli e scoprono di essere infetti solo dopo il manifestarsi di sintomi importanti. La cosa peggiore che può capitare ad una persona è avere l’HIV e non saperlo». Continuare a informare, senza mai abbassare la guardia, è perciò un must. Ecco perché, per il 1 dicembre, l’Ufficio di promozione della salute città sane del comune di Ancona ha organizzato un’iniziativa (in collaborazione con le associazioni Opere caritative francescane ODV, Avis Ancona cammina, Anlaids Marche, Consultorio Asur Area Vasta 2, unità di strada Filo di Arianna, associazione Freewoman, Caritas di Ancona e Osimo) per sensibilizzare la cittadinanza e per sottolineare come sia essenziale il ruolo della prevenzione.
«Per il sesto anno – ha sottolineato l’assessore alle Politiche sociali e sanità, Emma Capogrossi –, il Comune ribadisce il suo ruolo nel divulgare, specialmente tra i giovani, le informazioni corrette rispetto ai comportamenti da adottare per evitare di contrarre il virus, vale a dire evitando rapporti non protetti, e per abbattere lo stigma. E’ altrettanto importante promuovere il ricorso al test così da scongiurare la diagnosi».
L’appuntamento per la Giornata mondiale per la lotta all’AIDS sarà in piazza IV Novembre, dove verrà posizionato un gazebo messo a disposizione dall’associazione AVIS e dove si potranno consultare materiali informativi. Saranno presenti anche le due unità di strada Informabus del Comune e Filo di Arianna dell’Av2. In collaborazione con l’associazione Ancona Cammina, invece, è stata organizzata una camminata di circa 2 ore con partenza dal monumento dei Caduti, preceduta da un Flash Mob (previsto per le 9,45) con tutti i partecipanti alla passeggiata sulla scalinata del Passetto.
Il 7 e l’8 dicembre sarà inoltre rappresentato, al teatro Sperimentale, lo spettacolo ‘Una stella in fuga’, il cui ricavato andrà in beneficenza all’associazione Opere caritative francescane ODV che si occupa di prevenzione e di accoglienza per persone affette da HIV/AIDS.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X