facebook rss

La verità di Yasmin Al Diry:
«Ho appreso dai giornali
il ritiro delle deleghe»

FALCONARA - Parla l'ex vice sindaco e assessore e racconta come la frattura in seno alla maggioranza sia nata durante la variazione di bilancio di metà novembre. «Mi sono opposta allo spostamento di fondi dal capitolo di spesa della Scuola a favore di quello del Turismo» ricorda
Print Friendly, PDF & Email

 

«Voglio innanzitutto ringraziare tutti i cittadini che mi avevano votato e mi hanno così dato la possibilità di realizzare quanto svolto in questi 18 mesi di incarico di Assessore ai Servizi Sociali, alla Scuola, Pari Opportunità e Commercio. Grazie a tutti coloro che, a vario titolo, ho potuto incontrare e con cui mi sono confrontata al fine di impostare nuovi progetti o risolvere problemi insieme. Grazie anche a tutti quei cittadini che nelle ultime settimane, più intensamente che mai, mi hanno rivolto i loro attestati di stima per la correttezza e l’impegno profuso nell’Ente comunale. Un grande ringraziamento a tutti i dipendenti comunali, in particolar modo a quelli con cui maggiormente ho collaborato, a tutti va il mio elogio e la mia stima per il lavoro che svolgono silenziosamente e quotidianamente con la massima precisione». A parlare è la professoressa Yasmin Al Diry, ex vice sindaco e assessore della giunta di Falconara Marittima. Il sindacato Stefani Signorini, ieri ha deciso di ritirare le deleghe che le aveva consegnato. Una scelta sofferta che oggi porta l’ex assessora a dire la sua.

La giunta Signorini, da sinistra Barchiesi, Mondaini, Al Diry (quando era vice sindaco), il sindaco, Rossi e Giacanella

«Saluto tutti con la certezza e la serenità interiore che le mie promesse della campagna elettorale e di inizio mandato amministrativo sono state in maggior parte mantenute o comunque, se non realizzate perlomeno non tradite. – spiega Yasmin Al Diry – Promesse mai tradite, a costo di scontrarmi in situazioni tali da doverne pagare la conseguenza di venire estromessa dall’amministrare la città per cui venni eletta con ampio consenso di preferenze personali. Ho cercato di evidenziare al sindaco ed ai colleghi assessori/consiglieri, dopo il trascorrere del primo anno di rodaggio del nuovo esecutivo comunale, le criticità di una serie di situazioni/problematiche che dovevano essere affrontate con maggiore determinazione e con una adeguata programmazione, allineata con gli indirizzi politici di mandato. Ho rappresentato la necessità di una Giunta che fosse maggiormente a contatto con la cittadinanza e per tale motivo ho spesso cercato di farlo partecipando attivamente a molti degli eventi organizzati dall’Ente comunale (seppur non avessi la delega al Turismo/Cultura), tra i quali anche quelli di cui non ne condividevo la realizzazione ma per puro spirito di gruppo e di appartenenza a questa maggioranza di governo».

Yasmin Al Dhiri

L’ex vice sindaco riconferma quantgià detto, poche settimane fa, «quali punti fondanti del programma elettorale che ci ha reso vincenti alle ultime elezioni e cioè la rivitalizzazione della città attraverso la sicurezza, il decoro urbano e la migliore vivibilità dei quartieri. Non può bastare l’uso indiscriminato della “politica delle feste in piazza” con la speranza che esse siano la panacea di tutti i problemi. I cittadini non ci hanno dato il loro voto per fare quanti più eventi festaioli possibile e tutti in Piazza Mazzini…. Una qualsiasi organizzazione complessa, come lo è appunto quella comunale, deve progettare ed agire per priorità, soprattutto se si lavora con un bilancio asfittico come a Falconara». Poi la nota più amara del comunicato stampa ufficiale a cui Yasmin Al Diry ha consegnato le sue riflessioni «Ho appreso con rammarico la notizia solo dai giornali – sottoliunea – ed aggiungo che il comunicato scritto dal sindaco è in gran parte falso e travisa la realtà dei fatti, l’unica cosa che corrisponde al vero è il fatto che mi sono opposta fortemente ad una sua iniziativa politica di inizio novembre. Ho voluto contrastare quello che per me è risultato un vero e proprio sopruso esercitato direttamente dalla sindaca in maniera arbitraria, la quale abusando della propria autorità ha voluto forzatamente imporre la propria volontà a danno dei diritti dei più deboli. La frattura reale è nata quando, durante la variazione di bilancio di metà novembre, mi sono indignata ed opposta allo spostamento di ingenti fondi economici dal capitolo di spesa della Scuola a favore di quello del Turismo. In seguito, sono riuscita a recuperare tali fondi e li ho impiegati per: l’educativa scolastica a favore dei bambini e dei ragazzi diversamente abili (ma c’è ancora molto da fare in questo ambito), l’ampliamento offerta formativa dei 3 istituti comprensivi scolastici, tende ed arredi per migliorare l’ambiente scolastico. Anche se non avrò più la possibilità di esprimere all’interno della Giunta comunale il potenziale delle mie idee e del mio impegno politico per Falconara, questo fatto non mi toglie lo spirito positivo di volere e poter aiutare in un diverso modo i cittadini falconaresi, di tutti i quartieri e tutte le frazioni».

Scossone nella giunta di Falconara, Romolo Cipolletti subentra come assessore a Yasmin Al Diry

Esaurito il rapporto di fiducia: il sindaco Signorini ritira le deleghe all’assessore Yasmin Al Diry

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X