facebook rss

Porto, oltre 100mila turisti
Dal 2020 mostre in estate
per intercettare i corceristi

ANCONA – Stagione dei record quella appena conclusa, con il numero dei passeggeri cresciuto del 49% rispetto allo scorso anno. Solo il 9% ha aderito ai pacchetti escursionistici in giro per le Marche. Circa 30mila croceristi visitano il capoluogo. Msc ha annunciato che anticiperà la sua presenza nel golfo dorico, arrivando già ad aprile
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra, Valentini di Msc, il presidente dell’Ap Giampieri e gli assessori Simonella e Marasca

 

 

Tradotta in numeri, la stagione crocieristica che si è da poco conclusa parla di un aumento del 49% dei passeggeri transitati per il porto di Ancona rispetto al 2018, toccando quota 100.109 turisti nel periodo maggio-novembre. Un trend decisamente positivo che si intende replicare anche nel 2020, quando la compagnia Msc prolungherà la sua attività nel golfo dorico partendo già ad aprile. A stilare un bilancio e tracciare le linee guida per il prossimo futuro, ci hanno pensato ieri, tra gli altri, i protagonisti d Welcome to Ancona, il progetto di accoglienza turistica e marketing territoriale nato nel 2005 che vede la partecipazione di Camera di Commercio delle Marche, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale, la Regione, comune di Ancona e Confcommercio.
«Nell’anno in cui Lonely Planet ci indica come meta imperdibile – ha puntualizzato Gino Sabatini, presidente della Camera unica – dobbiamo saper dimostrare di essere all’altezza di questo riconoscimento, cercando di far arrivare più turisti possibile» E se sul 2020 si sta ancora ragionando, è sull’anno prossimi a concludersi che si misura il successo del porto. L’ultima toccata è stata il 22 novembre, per un totale di 54 scali, un record per Ancona: 28 gli approdi di Msc Sinfonia tutti i venerdì con arrivo alle 9 e partenza alle 18, e 26 gli approdi di altre compagnie fra le quali, Marella Celebration, Explorer 2, Aegean Odissey, Sirena, Nautica, CV Bounganville. I passeggeri in transito sono stati oltre 84mila, quelli in imbarco oltre 15mila e circa il 21% dei croceristi di Msc Sinfonia ha scelto Ancona come porto di partenza.
«Il 2019 è stata una stagione entusiasmante – il commento di Luca Valentini di Msc –. Lo scalo dorico è cresciuto del 40% in termini di toccata, ha saputo gestire la crescita, ed il 2020 vedrà la presenza di Msc in anticipo rispetto agli altri anni, già a partire dal mese di aprile».
Solo il 9% dei croceristi ha però aderito ai pacchetti escursionistici, soprattutto Frasassi (37%), Riviera del Conero (22%) e Urbino (21%). Circa 25mila-30mila croceristi, circa il 50% di quelli che approdano ad Ancona, visitano il capoluogo.

Il 74% dei passeggeri Msc sono stranieri, con gli spagnoli in testa, sono fra i più numerosi (12%), ma si registrano anche turisti extraeuropei, come americani (5%), australiani (4%), giapponesi (2%) e sudafricani (2%).
Complessivamente sono stati 1.150.000 i passeggeri in transito nel porto di Ancona, compresi i traghetti
«Tre anni fa, con l’amministrazione comunale, ci siamo posti l’obiettivo di superare i 100mila passeggeri – ha ricordato il presidente dell’Ap, Rodolfo Giampieri – e ci siamo riusciti. Il Molo Clementino farà diventare Ancona uno dei punti di riferimento turistici ancora più forte, attirando una nave al giorno per 130 giorni all’anno e creando un flusso di circa 2500 persone. Su questo occorre costruire una accoglienza di secondo livello. Il turismo è una grande industria da organizzare in maniera scientifica».
Fanno eco le parole dell‘assessora comunale al Porto, Ida Simonella, che ha ribadito come con il banchinamento del Molo Clementino «la città di Ancona abbia una grande occasione di crescita e sviluppo, mentre il suo collega con delega al Turismo ed alla Cultura, Paolo Marasca, ha annunciato che proseguirà il percorso di unificazione dei cinque musei cittadini avviato l’anno scorso, mentre per il 2020 l’obiettivo sarà quello di far partire una serie di grandi mostre d’arte dalla primavera fino all’autunno così da intercettare i turisti in transito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X