facebook rss

Notte di follia: accoltella un amico,
tenta di farsi investire
e poi si butta nel lago

CINGOLI - Protagonista un 19enne: è stato recuperato dalle acque dell'invaso di Castreccioni in ipotermia, è grave. Il ragazzo colpito al torace non è pericolo di vita
Print Friendly, PDF & Email

 

I soccorsi arrivati sulla riva del lago di Castreccioni di Cingoli


Accoltella un amico, tenta di farsi investire da un’auto e poi si butta nel lago.
È successo poco dopo la mezzanotte a Cingoli, zona Castreccioni. Una notte di follia iniziata con quello che, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stato un gioco finito male.

Il pilone illuminato è il punto in cui si è aggrappato il giovane dopo essersi gettato nell’acqua

Un 19enne avrebbe colpito al torace un suo coetaneo con un coltello. Il 19enne poi, sotto choc, è scappato via in direzione del ponte che collega la frazione Moscosi alla strada provinciale tra Cingoli e Apiro. Lì, si è gettato sull’asfalto mentre passava un’auto. Il conducente è riuscito a frenare in tempo, colpendo solo leggermente il ragazzo. A quel punto, il giovane si è avvicinato al bordo del ponte, ha scavalcato la barriera di protezione e si è buttato nelle acque gelide del lago. Il conducente dell’auto ha immediatamente chiamato i soccorsi e le prime persone arrivate sul posto sono riuscite a ricostruire la vicenda parlando con il ragazzo che, sopravvissuto alla caduta, si è aggrappato a un pilone del ponte. Sul posto sono arrivati i mezzi dei vigili del fuoco di Apiro e Macerata, carabinieri e ambulanze di Piros e 118. Il ragazzo, in chiaro stato di ipotermia,  è stato portato a riva con un’imbarcazione a remi e stabilizzato poco prima delle 2,30 e poi portato via in ambulanza. Le sue condizioni sono gravi. Un’ambulanza della Piros,invece, ha portato il giovane accoltellato a Jesi, in condizioni non gravi ma sotto choc.

 

(Leo. Gi.)

 

</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X