facebook rss

Operazione Strade Pulite,
i carabinieri sequestrano 77 auto

ANCONA - L'attività dei militari del Norm Compagnia di Ancona, iniziata 5 mesi fa, si inserisce in un contesto di monitoraggio delle aree di degrado del capoluogo dorico
Print Friendly, PDF & Email

 

I carabinieri del Norm impegnati nell’operazione Strade Pulite

 

Prosegue senza sosta l’operazione Strade Pulite dei carabinieri del Norm della Compagnia di Ancona che, nelle ultime 48 ore, hanno rimosso dalle strade pubbliche 8 auto perché risultate in stato di abbandono e sprovviste dell’assicurazione. L’operazione, iniziata 5 mesi fa, ha visto complessivamente la rimozione di 77 auto e si inserisce nel contesto delle attività di monitoraggio delle aree di degrado del capoluogo dorico sia per contrastare il fenomeno ambientale dell’abbandono dei veicoli che per dare una presenza visibile dello Stato.

Tante le vetture abbandonate e vandalizzate lasciate in giro per le vie della città che grazie ai carabinieri sono state rimosse. Tra queste vi sono: furgoni, auto di valore e anche d’epoca. In certi casi, alcune si trovavano in strada dal 2016. Vetture i cui proprietari, anziché demolirle con i conseguenti costi, hanno preferito parcheggiarle e lasciarle negli spazi pubblici senza assicurazione.

Il fenomeno, secondo l’Arma, è talmente diffuso che sono state molte anche le segnalazioni pervenute al 112 da parte dei cittadini che in questo modo hanno ancora una volta collaborato con le forze dell’ordine aiutando a ripulire alcune vie. I quartieri maggiormente setacciati dai militari sono stati il Piano, Mandracchio, zona centro, Collemarino, Tavernelle, Fiumesino e la zona aeroportuale di Falconara. L’operazione ha consentito di elevare sanzioni amministrative per un totale di 60mila euro.
Nei prossimi giorni i carabinieri della Compagnia di Ancona proseguiranno i controlli e forniranno un ulteriore contributo al miglioramento del decoro urbano del capoluogo dorico. Nel frattempo, le auto sequestrate verranno anche analizzate per capire se alcune di esse siano state utilizzate per compiere furti, rapine, trasporto di sostanze stupefacenti o se siano pure state trasformate in nascondigli per lo spaccio di droga.

(Al. Big.)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X