facebook rss

Asfaltatura di via Gobetti,
partono i lavori

FALCONARA - Il progetto prevede, oltre alla ristrutturazione completa del fondo stradale, la sostituzione dei pini a rischio
Print Friendly, PDF & Email

 

 

E’ di 130mila euro l’investimento, finanziato con fondi statali, per la riqualificazione di via Gobetti, che prevede la ristrutturazione completa del fondo stradale e la sostituzione dei pini a rischio. I lavori sono in fase di avvio. Il progetto predisposto dai tecnici comunali di Falconara è stato condiviso dai residenti e da quanti frequentano la strada, dove l’asfalto è da tempo danneggiato a causa delle radici superficiali degli alberi che sorgono su entrambi i lati della strada. Dallo studio commissionato a un agronomo è emerso inoltre che molti pini sono in una situazione di rischio non tollerabile. Sarà dunque inevitabile abbatterli per sostituirli con altre alberature contestualmente ai lavori di riqualificazione. Per le nuove piantumazioni si stanno valutando anche altre essenze, con radici meno superficiali, per evitare che il rifacimento del fondo stradale e dell’asfalto venga vanificato in breve tempo dallo sviluppo delle stesse radici. Il progetto ha l’obiettivo di mettere in sicurezza la strada in via definiva, risanare il piano viabile e riqualificare anche il patrimonio arboreo. L’intervento è stato oggetto di un incontro con i residenti, che si è svolto nel pomeriggio di lunedì 17 febbraio al Centro Pergoli.

«Il finanziamento che ci consentirà di intervenire su via Gobetti – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Valentina Barchiesi – viene erogato a tutti i Comuni in base alla popolazione per la messa in sicurezza del territorio. Abbiamo scelto di puntare sulla manutenzione della strada che necessita di interventi più urgenti per la presenza di buche, avvallamenti e radici degli alberi tramite bonifica del sottofondo e ripavimentazione dell’asse stradale. L’intervento ci consentirà di sanare una situazione pericolo che attualmente non permette la fruibilità in sicurezza di via Gobetti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X