facebook rss

Oculistica, servizi in rete
e in crescita nell’Area Vasta 2

ANCONA - All'ospedale di Fabriano, sede anche della Banca degli Occhi, vengono effettuate sia le attività chirurgiche con ricoveri che ambulatoriali. In quelli di Jesi e Senigallia si eseguono interventi di cataratta; iniezioni intravitreali per le malattie retiniche; interventi di glaucoma. «Un modello, che grazie all’impegno del personale medico e paramedico, ha aumentato l’offerta» spiega Stefano Lippera, direttore Uoc Oculistica AV2
Print Friendly, PDF & Email

La Banca degli Occhi all’ospedale Profili di Fabriano

 

Sono in crescita gli interventi di Oculistica negli ospedali dell’Asur-Area vasta 2. Negli ultimi anni si è assistito a notevoli cambiamenti nella sanità marchigiana.

L’ospedale di Jesi ‘Carlo Urbani’

Da una rete ospedaliera capillare, si è imposta la necessità di una razionalizzazione dell’offerta che migliorasse la qualità e contenesse la spesa sanitaria. La realizzazione di un modello a rete è stata la risposta che ha interessato anche l’Oculistica dell’Area Vasta 2. «Le attrezzature diagnostiche e terapeutiche vengono così distribuite nei diversi ospedali a seconda delle attività e dei campi di specializzazione dei componenti le varie équipe professionali. – riferisce una nota dell’Area Vasta 2 – – Questa nuova organizzazione non ha comportato una diminuzione delle attività, in quanto viene assicurata l’assistenza base per le procedure diagnostiche e chirurgiche più comuni su tutte le sedi. Sono infatti presenti équipe in tutti i presidi ospedalieri di Senigallia, Jesi e Fabriano. In particolare, poi, a Fabriano, sede dell’Unità Operativa Complessa, è stata sviluppata la chirurgia per la cura di malattie della retina e del segmento anteriore quali la cornea, in sinergia alla Banca degli Occhi, promossa dal compianto Dr. Forlini».

L’ospedale di Senigallia

Nella sede di Fabriano vengono effettuate sia le attività chirurgiche che richiedono ricovero ospedaliero sia le attività ambulatoriali, in particolare: operazioni sui pazienti che necessitano di trapianto corneale; applicazione e verifica delle tecniche di trapianto più moderne formulando protocolli operativi, previa discussione con gli operatori regionali e, più in generale, con la comunità scientifica; collaborazione continua con la Banca degli Occhi delle Marche per ottimizzare i prelievi ed i trapianti; operazioni sui pazienti con malattie retiniche come distacco di retina, vitrectomie per problemi retinici conseguenti a malattie vascolari quali diabete e occlusioni venose; interventi su pazienti glaucomatosi in caso di interventi più complessi; interventi di cataratta. Nelle strutture di Senigallia e di Jesi vengono effettuati interventi di chirurgia quali: interventi di cataratta; iniezioni intravitreali per le malattie retiniche; interventi di glaucoma. Vengono eseguite di routine le visite oculistiche, le laserterapie sui diabetici e le fluorangiografie retiniche in tutti gli ospedali.

L’ospedale di Fabriano

«Questo nuovo modello,- spiega il dottore Stefano Lippera, direttore Uoc Oculistica AV2 – grazie all’impegno del personale medico e paramedico, ha aumentato l’offerta e, per chiarire, si forniscono i seguenti dati: Senigallia: nel 2016 venivano effettuati 1.450 interventi (950 interventi di cataratta, 450 iniezioni intravitreali e 50 altri interventi tra cui interventi di glaucoma); nel 2019 n.1856 interventi di cui la metà interventi di cataratta e glaucoma e l’altra metà iniezioni intravitreali. Jesi: nel 2016 sono stati effettuati 534 interventi (interventi di cataratta e iniezioni intravitreali); nel 2019 numero 691 (e, quindi, 157 in più). Fabriano: nel 2016 n. 1000 interventi totali effettuati (740 di cataratta, 120 interventi di retina, 30 interventi di glaucoma, 30 trapianti corneali, 100 iniezioni intravitreali e 80 interventi minori); nel 2019, un totale di 1.369 interventi, di cui ambulatoriali (cataratte e iniezioni intravitreali) sono stati 1081. Gli interventi chirurgici più importanti (distacchi di retina, trapianti e glaucomi) sono stati 288. Circa 300 interventi in più nell’ultimo anno».

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page