facebook rss

Macerata, Bocelli dona 30 posti letto
«Da lunedì nuovo reparto Covid»

LA FONDAZIONE del tenore ha acquistato il materiale, già allestito nelle stanze dell'Hospice
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Allestiti i posti letto donati dalla fondazione Andrea Bocelli all’ospedale di Macerata. Sono 30 e sono stati istallati nell’ex palazzina Malattie infettive che ospitava l’Hospice il Glicine e la Salute mentale (ora trasferiti per far spazio al nuovo reparto Covid). Saranno operativi da lunedì. L’obiettivo della direzione è arrivare a 45 posti letto (leggi l’articolo).

I nuovi posti letto Covid a Macerata

«Il 18 marzo – spiega Alessandro Maccioni, direttore dell’Area vasta 3 -, abbiamo dovuto dare il via ai lavori nell’ex palazzina Malattie infettive per rendere disponibili ulteriori 45 posti letto di Medicina Covid-19. La struttura, sede di due importanti unità operative Hospice e Salute Mentale, che abbiamo dovuto dislocare in altre sedi, è stata oggetto di notevoli lavori soprattutto di
adeguamento impiantistico. La Fondazione Bocelli, che ogni giorno mi contattava per chiedere quali necessità avesse la nostra Area Vasta, non ha esitato ancora una ad aiutarci provvedendo all’acquisto diretto di 30 letti di degenza. La donazione è stata fondamentale per poter aprire il reparto lunedì prossimo. Cosa dire? Solo un grande e sincero grazie al maestro Bocelli e alla fondazione che porta il suo nome. Un’organizzazione efficiente e veloce nell’azione che fa la differenza quando si deve dare risposta ad una emergenza di queste dimensioni».

Per la Andrea Bocelli Foundation questo è l’ennesimo aiuto al territorio del Maceratese, dove continua l’impegno anche sul fronte del post sisma. Il 17 gennaio scorso infatti la Fondazione ha avviato i lavori per la nuova Accademia di musica di Camerino (si tratta del terzo intervento di ricostruzione nel territorio dopo quelli delle scuole di Sarnano e Muccia). «L’inaugurazione dell’Accademia è prevista per questa estate – spiega la Fondazione in una nota – a beneficio di 160 studenti, che dopo il terremoto sono stati costretti a fare lezioni in un container». Sempre a Camerino si è rivolta la prima tranche della raccolta fondi per l’emergenza coronavirus della Fondazione. Sono stati raccolti 100mila euro con cui sono stati acquistati per il Covid hospital della città ducale 4 ventilatori polmonari.

Pazienti dell’Hospice trasferiti di nuovo, Maccioni: «Non abbiamo chiuso ci serve personale per i posti Covid»

 

Articoli correlati




</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X