facebook rss

Fase 2, parchi di nuovo accessibili

ANCONA - Dopo quasi due mesi di lockdown tornano fruibili domani 66 aree verdi della città. Ci saranno volontari della protezione civile e altre associazioni a vigilare sul rispetto delle regole per evitare assembramenti e comportamenti scorretti
Print Friendly, PDF & Email

Parco della Cittadella

 

Sono 66 i parchi cittadini che riaprono domani a seguito dell’ordinanza firmata lo scorso sabato dal sindaco Valeria Mancinelli. Tra le aree verdi di grandi dimensioni, torneranno di nuovo accessibili il Parco Francella e Belvedere, parco Fiorani, Parco degli Ulivi, parco Gabbiano, Cittadella, Parco del Cardeto, pineta e piscina del Passetto, parco Unicef, Parco Rodari, Parco di via Sacripanti, Parco di via San Gaspare, Parco Lunetta e San Costanzo, Parco di via Tiraboschi, Parco di Piazza Fontana, Parco di via Tarantelli e D’Acquisto, Parco skate di via Cambi, Parco Montemarino, Parco Verbena & Cosmos, Parco Villa Beer, Parco di via Fornetto, Parco Tiziano, parco di via Gioberti. A controllare gli accessi  nei 22 parchi più grandi saranno i volontari di sei associazioni (gruppo comunale Protezione Civile, ANC, VAB, MASCHI, Misericordia, ADA). Ogni squadra vedrà la presenza di due volontari con un mezzo; se i volontari accerteranno un assembramento di persone, avvertiranno il COC, il centro operativo comunale o la centrale operativa della Polizia locale, che invierà una pattuglia per l’eventuale attività sanzionatoria. Le aree verdi di dimensione più contenuta verranno presidiate da personale del Comune.

I nastri bianco e rossi messi lungo la pineta del Passetto per il lockdown

E’ consentito l’accesso ai parchi dalle 7,30 alle 20,30 con conseguente divieto di accesso nelle ore notturne.  L’accesso è condizionato al rigoroso rispetto delle  prescrizioni finalizzate al contenimento della diffusione del contagio. Quindi, è fatto divieto di ogni forma di assembramento e affollamento di persone; è obbligatorio mantenere distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. E’ inoltre, vietato l’utilizzo delle aree attrezzate per il gioco dei bambini laddove presenti. E’ consentito svolgere individualmente, o con accompagnatore per i minori o per le persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o attività motoria, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività. Restano comunque vietati i giochi o sport collettivi o di squadra. Questa mattina -alla presenza dell’assessore alla Protezione civile del Comune, Stefano Foresi si è tenuto un incontro con il personale del Comune che da domani – e fino a nuove disposizioni- vigilerà nei parchi medio piccoli affinché le disposizioni sopra elencate vengano rispettate. Ai dipendenti il funzionario incaricato ha distribuito i disposizioni di protezione individuale (pettorine e -a chi sprovvisto- mascherine e guanti) e ha fornito indicazioni specifiche per la necessaria autotutela in questo e altri possibili contesti.

L’assessore Foresi con i volontari

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X