facebook rss

«Risposta celere dello Stato,
un pensiero alle vittime»

IL COMMENTO del procuratore capo di Ancona al verdetto che ha condannato i sei ragazzi della Bassa Modenese per i fatti avvenuti a Corinaldo, alla Lanterna Azzurra
Print Friendly, PDF & Email

Monica Garulli

 

«È doveroso sottolineare come grazie all’impegno degli investigatori e degli inquirenti ci sia stata una celere risposta dello Stato. La sentenza è avvenuta in tempi rapidi, a un anno e mezzo di distanza dai fatti di Corinaldo. Un pensiero alla vittime». Sono le parole espresse fuori dall’aula dal procuratore capo di Ancona Monica Garulli dopo aver ascoltato la sentenza che ha inflitto poco più di 68 anni di reclusione ai sei ragazzi della Bassa Modenese accusati di aver spruzzato lo spray alla Lanterna Azzurra, causando il parapiglia e la fuga scomposta degli avventori del locale. Le motivazioni del verdetto (il gup ha fatto cadere l’associazione a delinquere) si potranno leggere entro 90 giorni. La procura potrebbe impugnare la sentenza e portare il processo in Corte d’Appello: «La procura – ha detto la dottoressa Garulli – prende atto della decisione del giudice e si riserva di valutare le motivazioni della sentenza quando saranno depositate». 

Strage alla Lanterna Azzurra: condanne per 68 anni di reclusione Cade l’accusa di associazione a delinquere

«Ci dispiace per quanto successo, ma non siamo responsabili per la strage»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X