facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Regionali, ultimo sondaggio:
Acquaroli avanti di oltre 7 punti
Ma gli indecisi superano il 40%

MARCHE 2020 – Secondo la rilevazione Tecnè, commissionata dall'agenzia Dire, il candidato del centrodestra mantiene stabile il vantaggio sull'avversario Maurizio Mangialardi, con la coalizione di centrosinistra data al 36-40%. Ma sui mille che hanno risposto, il 41% ancora non sa se e chi votare. Secondo i dati della rilevazione un'alleanza Pd-M5s avrebbe avuto un vantaggio tra i 5 i 9 punti percentuali
Print Friendly, PDF & Email

sondaggi-dire-tecne

 

Francesco Acquaroli in testa, Maurizio Mangialardi in rincorsa e Gianmario Mercorelli con la sua dote che sfiora i 17 punti percentuali, nella parte più ampia della forbice. È questo il quadro che emerge dal sondaggio Tecnè del 30 e 31 luglio, condotto su un campione di oltre 6mila marchigiani (a rispondere però in mille), commissionato dall’Agenzia Dire e pubblicato oggi. Il candidato del centrodestra si attesta tra il 43,5 e il 47,5 percento, a seguire il centrosinistra con Mangialardi tra il 36 e il 40 percento e poi i 5 stelle (12,5-16,5 percento) e “gli altri” tra l’1 e il 3 percento.

acquaroli-1-325x244

Il deputato Francesco Acquaroli, candidato governatore del centrodestra

Ma il dato interessante che emerge dal sondaggio è quello degli indecisi, che sono il 41 percento degli intervistati. Una partita quindi ancora aperta, almeno sulla carta, quella per le regionali di settembre. Anche considerando l’ultimo dato certificato dalle urne, cioè le europee del 2019. L’anno scorso la coalizione del centrodestra otteneva al voto il 49,3% (Lega 38%, Forza Italia 5,5%, Fratelli d’Italia 5,8%). Il dato di Acquaroli quindi si discosta in negativo, anche se di pochissimo, dalla fotografia delle europee mentre il centrosinistra, almeno nelle proiezioni, avrebbe risalito la china, passando dal 27,3 percento (Pd 22,3%, +Europa 2,8%, Verdi 2,2%) al 36-40% del sondaggio. Un altro dato che emerge dalla rilevazione è che un’alleanza Pd-M5S avrebbe avuto un vantaggio sul centrodestra da 5 a 9 punti percentuali.

mangialardi-san-severino-3-e1594210387205-325x319

Maurizio Mangialardi

Emanuele Prisco, commissario regionale di Fratelli d’Italia nel diffondere il sondaggio, parla di risultato «molto significativo perché i candidati delle liste del centrodestra stanno iniziando adesso la campagna elettorale. I marchigiani vogliono cambiare e apprezzano il nostro progetto di governo per ricostruire le Marche, dopo i fallimenti della sinistra. Quello – aggiunge – che parta dall’ascolto e dal confronto degli amministratori, le categorie e i cittadini che fino ad oggi è mancato ed è stato sostituito da una politica che guardava dall’alto e decideva in modo autoreferenziale. Non vogliamo sostituire un sistema con un altro, ma dare spazio alle migliori energie di questo straordinario territorio e far rinascere le Marche».

Acquaroli avanti su Mangialardi: otto i punti di distacco tra i due

incontro-m5s-covid-center-civitanova-mercorelli-FDM-650x482

Gian Mario Mercorelli

 

Articoli correlati




© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X