facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Polizia, il Reparto Mobile di Senigallia
in prima linea nell’accoglienza migranti
Siulp: «Lasciati senza test sierologici»

COVID 19 - Tra i servizi svolti dai poliziotti, da oltre due mesi, c'è la vigilanza nei Centri di Crotone e Campobasso. «Alcuni colleghi sono entrati in contatto con casi positivi. Non è stata velocizzata la procedura per lo screening e altri, prima di ritornare in servizio, hanno deciso di effettuarlo autonomamente» denuncia il segretario provinciale del Siulp Alessandro Bufarini
Print Friendly, PDF & Email

Il reparto mobile di Senigallia (foto d’archivio)

 

 

«Niente test sierologici per il personale del XIV Reparto Mobile di Senigallia». Il grido di allarme arriva dal Siulp Ancona e regionale Marche. «Il lavoro svolto dal sindacato per tutelare la salute dei poliziotti e delle loro famiglie relativamente all’emergenza epidemiologica connessa al Covid-19 è stato costante ed, oggi, più che mai attivo. – scrive in un comunicato Alessandro Bufarini, segretario generale provinciale Siulp – L’opera di sensibilizzazione sia dei vertici della Polizia di Stato in provincia sia dei principali attori Istituzionali locali, in primis la Regione Marche, ha permesso di effettuare i test sierologici a tutto il personale della Polizia di Stato, sin dal mese di giugno scorso. Ad oggi, lo screening sanitario per accertare eventuali casi di positività al Covid-19 sul personale della Questura e delle Specialità della Polizia di Stato è stato completato. Il personale del XIV Reparto Mobile di Senigallia, invece, non ha ancora iniziato i test e non sa neanche quando verranno effettuati. Un inaccettabile ritardo se si considera che tra i servizi svolti dal personale del XIV Reparto Mobile vi è, da oltre due mesi, la vigilanza presso i Centri di prima accoglienza per immigrati. La questione Immigrazione è sempre di stretta attualità, ma, oggi, il connubio tra gli sbarchi di clandestini sulle coste italiane e l’emergenza Covid-19 può diventare una miscela esplosiva se non si tutelano gli operatori della sicurezza dal punto di vista sanitario».

Alessandro Bufarini

Bufarini sottolinea che «i colleghi del XIV Reparto Mobile, attualmente, stanno gestendo l’emergenza immigrazione nei centri di Crotone e Campobasso, dove, in quest’ultimo, alcuni colleghi sono entrati in contatto con persone risultate positive al Covid-19. Neanche tali delicati servizi ed i casi di positività emersi hanno permesso per il personale del XIV Reparto Mobile, di velocizzare le procedure per il test sierologico, tant’è che alcuni colleghi, prima di ritornare in servizio, hanno deciso di effettuarlo autonomamente». Secondo il segretario generale provinciale Siulp le criticità già esistenti «sul piano dell’affollamento dei centri e sulla esposizione a fattori di rischio sanitario rendono sempre più difficile l’adempimento di quanto previsto dai recenti decreti a tutela della salute collettiva e mettono a rischio la salute degli uomini e delle donne della Polizia di Stato che stanno producendo il massimo sforzo al fine di garantire il primo soccorso ai migranti e l’affidamento alle strutture ed ai centri preposti all’uopo». Il ritorno dei contagi di questi ultimi giorni ed i recenti provvedimenti governativi, imporrebbero al dirigente del XIV Reparto Mobile «una risposta immediata dal punto di vista della salute dei lavoratori e, quindi, maggiore attenzione verso i “propri” uomini e donne, adottando ogni misura utile.- chiude la nota del primo sindacato di polizia – Il Siulp ritiene che in tali delicati servizi lo screening sanitario ai colleghi debba essere ripetuto almeno con cadenza mensile. Il Siulp ha formalmente interessato il Ministero dell’Interno e la propria segreteria nazionale. Sulla tutela della salute dei colleghi e sul rispetto dei diritti, se non avremo risposte chiare ed azioni concrete, non escludiamo azioni pubbliche».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X