facebook rss

Comunali Senigallia, insediati
i seggi per il ballottaggio

AL VOTO - Domani e lunedì torneranno alle urne i 38.801 elettori senigalliesi. Alla sfida finale i candidati Fabrizio Volpini (centrosinistra) e Massimo Olivetti (centrodestra) che hanno già anticipato i nomi della squadra in caso di vittoria
Print Friendly, PDF & Email

Olivetti e Volpini

 

Riflettori accesi sul voto del ballottaggio per scegliere il sindaco di Senigallia. Domani e lunedì Fabrizio Volpini e Massimo Olivetti sfideranno prima di tutto l’astensionismo. Al primo turno ha votato il 65,83% dei 38.801  senigalliesi (18.642 uomini e 20.159 donne) aventi diritto, che ora torneranno alla urne. Parte in vantaggio Fabrizio Volpini (Vola Senigallia, Vivi Senigallia, Partito Democratico, Diritti al Futuro, Noi Senigallia Attiva, Obiettivo Comune, Uniti per Senigallia) che 15 giorni fa aveva ottenuto il 43,45% dei consensi, mentre Massimo Olivetti (Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia e La Civica) si è attestato sul 34,22% e ora dovrà colmare la forbice dei circa 9 punti percentuale che lo separano dall’avversario.

NESSUN APPARENTAMENTO – Fedeli e coerenti con quanto esposto in campagna elettorale, entrambi i candidati non hanno cercato apparentamenti né alleanze ufficiali in vista del secondo turno di voto, il 4 e 5 ottobre. E in piena luce del sole anche gli altri candidati sindaco, già usciti dalla competizione elettorale, hanno tutti ufficializzato i propri orientamenti in vista del ballottaggio. Potere al Popolo e L’altra Senigallia con la sinistra hanno invitato gli elettori a votare scheda bianca; Gennaro Campanile (Amo Senigallia) e Paolo Molinelli (Senigallia Bene Comune e Noi Cittadini) non hanno fornito indicazioni di voto lasciando libertà di coscienza al proprio elettorato.Oggi pomeriggio si sono insediate senza problemi le 44 sezioni elettorali distribuite su tutto il territorio comunale che resteranno aperte domani, dalle 7 alle 23, e lunedì dalle 7 alle 15, poi si procederà subito con lo scrutinio delle schede.

LE SQUADRE – Nei giorni scorsi i due sfidanti, in segno di massima trasparenza, hanno annunciato i nomi delle rispettive squadre. Il candidato di centrosinistra, Volpini, ha anticipato che in caso di vittoria lavoreranno con lui nell’esecutivo sette assessori, due dei quali tecnici esterni. Quattro donne e tre uomini che sono: Lorenzo Beccaceci (Vivi Senigallia); Chantal Bomprezzi (Pd); Ludovica Giuliani (Pd); Maurizio Marchionni (tecnico esterno); Francesca Paci (tecnico – Diritti al Futuro); Stefania Pagani (Vola Senigallia) e Dario Romano (Pd) potendo contare anche su cinque consulenti esterni che sono Emanuela Audisio, Sauro Longhi, Emmanuele Pavolini, Renzo Ceresa e Guido Silvestri. Anche il candidato di centrodestra, Olivetti ha invece ufficializzato i nomi dei suoi assessori, tre donne e quattro uomini: Ilaria Bizzarri (FdI), Gabriele Cameruccio (La Civica), Elena Campagnolo (Lega), Alan Canestrari (Forza Italia, Cinzia Petetta (FdI), Riccardo Pizzi (La Civica) e Nicola Regine (Lega) mentre è prevista delega consiliare alla Sanità al consigliere Andrea Ansuini (La Civica). Già delineata al primo turno, invece, dal voto di prefernza degli elettori la composizione del consiglio comunale, che cambierà  a seconda dello schieramento che vincerà le elezioni amministrative 2020.

Ballottaggio, ipotesi Consiglio comunale in caso di vittoria di Volpini o di Olivetti

Comunali Senigallia, Volpini e Olivetti al ballottaggio senza apparentamenti

A Senigallia sfida tra Volpini e Olivetti: si va al ballottaggio

Comunali, l’affluenza cresce: 64,59% 2 punti e mezzo in più rispetto al 2015

Election day: affluenza Regionali al 42,72% Referendum al 47,56 e Comunali al 46,25%

Referendum e Comunali, affluenza al 15% In linea quella delle Regionali

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X