facebook rss

Piazza Cavour a misura
di ciechi e ipovedenti:
ok al progetto esecutivo per il Peba

ANCONA - Cento mila euro di fondi disponibili per l'eliminazione delle barriere architettoniche e l'adattamento dei percorsi pedonali alle necessità delle persone affette da disabilità visiva. L'obiettivo è un collegamento con gli uffici postali e il Comune, a largo XXIX maggio
Print Friendly, PDF & Email

Piazza Cavour (foto d’archivio)

 

Un percorso che consenta a ciechi e ipovedenti di muoversi nello spazio urbano in maniera sicura e autonoma, collegando i portici di piazza Cavour con gli uffici comunali del Palazzo del Popolo e postali di Largo XXIV Maggio. E’ il progetto coordinato dal Comune dorico per l’abbattimento delle barriere architettoniche in uno dei luoghi più battuti della città. Del valore di 100 mila euro, è stato approvato dall’amministrazione in attesa dell’iter burocratico che porti all’affidamento dei lavori e all’avvio del cantiere. Riguarderà non solo piazza Cavour, ma anche tutto il suo perimetro, con attraversamenti pedonali dedicati e percorsi tattili per le persone affette da disabilità visiva. Il progetto si basa sulla relazione tecnica redatta dall’ingegner Giorgio Calavalle, secondo cui «l’intervento consiste principalmente nell’installazione di appositi codici tattili del sistema LOGESVET-EVOLUTION LVE nei tratti indispensabili, che si integrerà alle cosiddette guide naturali», tali «da consentire alla persona con disabilità visiva di orientarsi senza bisogno di apposite indicazioni, anche in luoghi non conosciuti o abitualmente frequentati». Maggiore attenzione verrà «riservata agli attraversamenti pedonali, che costituiscono il pericolo principale alla sicurezza dei disabili visivi negli spostamenti in prossimità di traffico stradale; essendo poi piazza Cavour il nodo di interscambio del trasporto pubblico locale in centro città, si è posta attenzione sulla segnalazione delle fermate dei bus e sosta ai capolinea».

I portici di piazza Cavour

Per i percorsi tattili verrà utilizzato il Pvc. In alcuni casi di attraversamenti pedonali, sarà necessario bonificare il manto stradale per consentire una superficie di posa regolare. L’itinerario progettato prevede di percorrere il perimetro di piazza Cavour, alternando tratti di “guide naturali” esistenti quali i cordoli di delimitazione delle aiuole perimetrali della piazza che affiancano il marciapiede alle segnalazioni di tipo tattile LVE nei punti necessari e indispensabili. I segnali per indicare ai disabili dove prendere il bus verranno, per esempio, posti sotto i portici di piazza Cavour. Stando al progetto, utilizzando «il Pvc incollato alla
pavimentazione esistente non saranno necessarie opere edili impattanti , ma si procederà solo
all’apposizione di segnaletica». Tra le principali operazioni contenute del documento tecnico, ci sono la rimozione di cordoli stradali in pietra; la demolizione di tratti di marciapiede; scavi a sezione obbligata; il rifacimento di parti di manto stradale, la posa in opera di pietrini di cemento e di paletti dissuasori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X