facebook rss

Nel giardino dei ‘Giusti del mondo’
c’è anche Carlo Urbani

MILANO – Il medico di Castelplanio, che ha scoperto la Sars, scelto per meriti dall’associazione Gariwo
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Carlo Urbani, il medico di Castelplanio scopritore della Sars, entra nel giardino dei ‘Giusti nel mondo’. Così ha deciso il Comitato dei Garanti dell’associazione per il Giardino dei Giusti di Milano, composta da Comune, Gariwo e Ucei, nello scegliere i nuovi Giusti per il Monte Stellae ratificando quanto deciso dall’Assemblea il 5 novembre scorso riguardanti il tema per le celebrazioni del 6 marzo 2021 Le figure approvate sono nel dettaglio il diplomatico svedese Dag Hammarskjöld, passato alla storia per l’impegno umanitario come Segretario generale delle Nazioni Unite dal 1953 al 1961; Carlo Urbani, il medico italiano dell’Organizzazione mondiale della sanità che ha pagato con la vita la battaglia contro la Sars; lo scrittore e critico letterario Liu Xiaobo, attivista per i diritti umani in Cina assieme alla moglie Liu Xia, poetessa, pittrice e fotografa; la giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Ruth Bader Ginsburg, battagliera sostenitrice della parità di genere e dell’emancipazione femminile negli Stati Uniti, icona del femminismo.« La scelta – si legge nel comunicato ufficiale degli organizzatori – è derivata dalla considerazione che in questo momento storico sia utile dare risalto a figure che indichino la strada da percorrere affinché l’umanità possa scegliere nel modo migliore le soluzioni a problemi collettivi, come la pandemia. Per questo vogliamo presentare le storie di chi si batte per la collaborazione internazionale e la difesa della democrazia contro ogni forma d’imbarbarimento e di controllo autoritario delle persone e per ridare alla conoscenza e alla scienza un ruolo di guida e orientamento». I cinque Giusti scelti rappresentano al meglio attraverso il loro esempio la battaglia per la democrazia, per il rafforzamento delle istituzioni internazionali, per la difesa dei diritti delle donne e infine la battaglia per una cooperazione internazionale per la sconfitta delle pandemie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X