facebook rss

Revisione auto, aumenta il costo
ma c’è anche il bonus

ANCONA - Confartigianato è soddisfatta per l'adeguamento delle tariffe, ferme dal 2007, introdotto da un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio alla Camera
Print Friendly, PDF & Email

(foto d’archivio)

 

 

Da gennaio aumenterà di quasi 10 euro, per la precisione 9.95 euro, il costo della revisione dei veicoli dopo l’approvazione dell’emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio alla Camera. Tra le novità introdotte dalla normativa il bonus ‘veicoli sicuri’. La prima revisione dei veicolo dovrà essere effettuata  entro tre anni  ma sarà esentata dall’aumento e il bonus varrà una sola volta e per un solo veicolo se si possiedono più auto.  Confartigianato esprime soddisfazione per questo adeguamento delle tariffe per le revisioni auto, rimaste immodificate dal 2007. «Si tratta di un incremento modesto ma significativo per il comparto, pari a 9,95 euro- riferisce Luca Bocchino, responsabile settore auto per Confartigianato – Un aumento che tiene conto degli accresciuti costi di formazione ma soprattutto delle procedure Mctc-Net 2 entrate in vigore e degli accresciuti costi per le attrezzature e gli aggiornamenti». «I nostri 200 Centri di revisione presenti sulle province di Ancona e Pesaro e Urbino – prosegue Bocchino – segnalano anche con piacere che l’incremento della tariffa non peserà per i cittadini nella prima revisione dopo l’entrata in vigore dell’aumento, in quanto sarà a disposizione del cittadino un bonus di pari importo all’aumento».«Giudichiamo positiva la norma nel suo complesso – conclude Bocchino – ma speriamo che, come spesso accaduto, non pesino sui Centri Revisioni i costi burocratici per il riconoscimento del bonus o che si determino forme di credito d’imposta che possano determinare squilibri finanziari per un settore già penalizzato dalle proroghe nazionali ed europee».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X