facebook rss

Presidenza Authority in bilico:
i governatori di Marche ed Abruzzo
frenano il Giampieri bis

ANCONA – Ipotesi commissariamento nel caso la ministra De Micheli non scelga un nome entro la scadenza della proroga, il 16 gennaio. Cinque i possibili candidati
Print Friendly, PDF & Email

Rodolfo Giampieri (a destra) con il governatore Acquaroli, foto d’archivio

 

I 45 giorni di proroga sono agli sgoccioli. Il 16 gennaio scadono anche i tempi supplementari per la nomina del presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Centrale e la poltrona occupata da Rodolfo Giampieri inizia a scottare. La ministra alle Infrastrutture Paola De Micheli – a cui spetta la scelta, sentiti i governatori delle Regioni coinvolte – non ha ancora battuto un colpo: l’eventuale rimpasto di governo vedrebbe il suo dicastero ad alto rischio staffetta e questo concentra le sue attenzioni su Roma. E se allo scadere dei termini, non fosse ancora stata presa una decisione, si profilerebbe anche l’ipotesi di un commissariamento, con lo stesso Giampieri che potrebbe essere chiamato a traghettare l’Ap fino alla nuova nomina. La rosa delle opzioni è composta da cinque nomi: oltre all’uscente, Francesco Messineo, segretario generale Authority di Napoli, Matteo Africano, rappresentante al comitato di gestione dell’Authority di Civitavecchia, Luca Lupi, dirigente Ap Civitavecchia, e Gianluca Carrabs. In pole position sembrava esserci Messineo, spinto dal Movimento 5 stelle, ma i pentastellati romani si starebbero riposizionando, non ponendo veti neanche su Giampieri. Il braccio di ferro sarebbe dunque tra Mit e Regioni, con i governatori di Marche ed Abruzzo Acquaroli e Marsilio – entrambi di Fratelli d’Italia – che chiedono a gran voce un cambio di passo ed un candidato che non sia di bandiera (Giampieri è considerato troppo vicino al Pd, soprattutto quello dorico). Insomma, la partita pare essere ancora aperta e l’attuale presidente ci scherza su: «mi hanno nominato giusto al Grande Fratello», ha ironizzato ieri a margine della conferenza sulla riqualificazione del Mercato ittico.

(m.m)

«Per la scelta del presidente dell’Authority prevalgano i criteri di competenza e appartenenza al territorio»

Futuro del porto, Mancinelli: «L’Authority ha fatto bene, continuare su questa strada»

Nomina presidente Autorità Portuale: «Serve continuità»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X