facebook rss

Giornata delle Memoria
con la lettura di Dante Ricci

JESI - Domani sul sito internet e sulla pagina Facebook del Comune l'attore declamerà un passo de “La Notte” di Elie Wiesel
Print Friendly, PDF & Email

Dante Ricci

 

 

Il 27 gennaio 1945 le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz, rivelando al mondo gli orrori del genocidio nazista. L’Italia nell’anno 2000 e successivamente le Nazioni Unite nel 2005 hanno istituito che il 27 gennaio di ogni anno si celebri il Giorno della Memoria “al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”. Nel gennaio dello scorso anno l’Amministrazione comunale di Jesi – ricorda una nota stampa – ha inteso sottolineare il valore simbolico di questa data attraverso il posizionamento di un’epigrafe nell’atrio del palazzo comunale, a testimonianza ulteriore nonché a richiamo quotidiano che, come recita il testo, la città non dimentica l’odio e gli orrori. E domani qui il sindaco Massimo Bacci e il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi deporranno una corona d’alloro. Sempre lo scorso anno, il 27 gennaio, in largo Grammercato a Jesi è stata posizionata una pietra d’inciampo, opera dell’artista tedesco Gunter Demnig, a memoria di Giulio Ottolenghi, nato a Jesi il 23 Luglio 1893, deportato ad Auschwitz e morto, vittima della Shoah, il 23 Dicembre 1944. «Invitiamo i cittadini di Jesi a frequentare questi luoghi, la memoria va esercitata. Non potendosi quest’anno celebrare eventi pubblici per le norme contro la pandemia, il ricordo del Giorno della Memoria sarà affidato ad una lettura di un passo de “La Notte” di Elie Wiesel a cura di Dante Ricci che verrà proposto a partire dalle ore 10 di domani sul sito internet e sulla pagina Facebook del Comune di Jesi» chiude il comunicato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X