facebook rss

‘L’Alternativa c’è!’ alla Camera,
Paolo Giuliodori entra
nella nuova componente politica

ROMA - C'è anche il parlamentare osimano tra i 13 deputati del Gruppo Misto che hanno aderito, tutti espulsi dal Movimento 5 stelle
Print Friendly, PDF & Email

Paolo Giuliodori

 

Ieri alla Camera dei Deputati è nata una nuova componente del gruppo Misto, “L’Alternativa c’è”. Sono 13 i deputati che hanno aderito, tutti espulsi dal Movimento 5 stelle. Tra questi anche Paolo Giuliodori, il parlamentare di Osimo, che nei giorni scorsi si è mostrato particolarmente critico nei confronti del governo appena insediato. «Stiamo lavorando tanto in questi giorni – spiega Giuliodori in un comunicato – per cercare di dare una forma al dissenso, un contenitore basato su temi comuni e condivisi da tutti i componenti. L’idea di politica che vogliamo rappresentare dentro il Parlamento deve avere una voce. Una voce univoca, organizzata e con obiettivi precisi. Unire le forze è fondamentale per avere un’opposizione più strutturata e dare maggiore peso alle nostre istanze e i nostri temi. Per questo motivo la componente è uno strumento tecnico utile, importante per fare opposizione in modo efficace. Il deputato osimano fa infatti una puntualizzazione: «Il gruppo Misto non è una scelta, ma l’approdo automatico per i parlamentari che non appartengono a un gruppo parlamentare, come nel nostro caso in seguito all’espulsione. Non si può stare in Parlamento senza un gruppo. Ma non siamo al Misto per tirare a campare, per stare a guardare in maniera passiva. I pop corn non fanno per noi. Siamo al Misto perché vogliamo avere peso nelle decisioni, incidere nelle commissioni, avere più spazio negli interventi in Aula, avere più emendamenti a disposizione e molti altri dettagli tecnici dell’attività parlamentare che fuori da una componente o gruppo sarebbe molto più complicata. Insomma: un passo necessario per poter lavorare bene. Faremo opposizione netta ma costruttiva». Al Gruppo Misto per lavorare, quindi, assicura Giuliodori.

Ma le riflessioni del deputato di Osimo vanno anche oltre. «Continueremo a lavorare con la dedizione di sempre, anzi con maggiore carica ed entusiasmo, sempre un po’ frenato dalle catene del Partito. Sosterremo tutti i provvedimenti utili al Paese, ma ci opporremo con forza a quelli dannosi. Ora siamo liberi da qualsiasi veto. Nessun partito potrà dirci di non affrontare questo o quel tema, solo perché, magari, è scomodo per uno dei tanti alleati di governo. Ma la cosa più grave è che c’è un serio problema di rappresentanza all’interno del Parlamento. Questa abnorme e innaturale maggioranza, quasi “Frankensteiniana”, non è rappresentativa della volontà del popolo italiano. I tantissimi cittadini delusi e arrabbiati per l’ennesima ammucchiata della vecchia politica – conclude Giuliodori – hanno il diritto di essere rappresentati. Non possiamo tradire la loro fiducia».

M5S, dopo l’espulsione Paolo Giuliodori entra nel Gruppo Misto della Camera

«Ho votato no al governo Draghi» Il deputato Paolo Giuliodori tra i parlamentari dissidenti del M5S

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X