facebook rss

Venerdì Santo di protesta
per i commercianti di Loreto

LE CITTA' santuario anche di Assisi, Cascia, Pompei e San Giovanni Rotondo ieri sera si sono mobilitate in contemporanea sulle piazze per lanciare un appello al Governo e ai parlamentari delle regioni coinvolte perché i sostegni arrivino in forma rapida dopo la cancellazione del bonus
Print Friendly, PDF & Email

La protesta di ieri sera dei commercianti di Loreto con i lumini e ceri

 

Venerdì Santo’ di protesta in piazza Giovanni XXIII per commercianti ed artigiani di Loreto, che con i colleghi e operatori turistici di altre quattro ‘città santuario’ (Assisi, Cascia, Pompei e San Giovanni Rotondo) si sono mobilitati, ieri sera in contemporanea e in diretta Fb, per rappresentare «il loro dramma e la loro enorme preoccupazione per il futuro». L’iniziativa è di Confcommercio Assisi, che ha coordinato la protesta delle realtà imprenditoriali «stremate dalla crisi economica». L’appello delle piccole imprese delle cinque città santuario, lanciato al Governo e ai parlamentari delle regioni coinvolte, è quello «di creare le condizioni perché gli aiuti arrivino davvero, in forma rapida e coerente con il danno subito in questo lunghissimo anno con incassi zero». «Siamo dimenticati tra i dimenticati» hanno sottolineato i manifestanti dopo la cancellazione del bonus a loro dedicato dalla Finanziaria nel decreto Sostegni.

 

Città Santuario, i commercianti tornano in piazza per protestare

Città santuario, il Governo cancella bonus: la protesta dei commercianti nelle piazze di Loreto, Assisi e Cascia

Bonus per i centri storici esteso ai luoghi di culto: Loreto è tra i beneficiari

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X