facebook rss

Turismo religioso in crisi:
‘Porta a Porta’ accende
le telecamere su Loreto

COVID - Nella puntata di ieri sera Bruno Vespa su Rai Uno ha lanciato il servizio sulla città mariana che dagli 800 pullman con pellegrini del 2019, nel primo semestre del 2020 ha registrato 8 arrivi e quest'anno nessuno. Il sindaco Pieroni: «Governo e Regione attenzionino le città santuario»
Print Friendly, PDF & Email

 

Il turismo religioso è in sofferenza e l’esperienza di Loreto, una delle tante città santuario italiane, è stata raccontata ieri sera nel servizio finale della puntata di ‘Porta a Porta’, la trasmissione di approfondimento della rete ammiraglia Rai, condotta da Bruno Vespa.

Moreno Pieroni intervistato da Paola Ferazzoli di ‘Porta a Porta’

L’inviata Paola Ferazzoli con Piero Durante ha intervistato il sindaco Moreno Pieroni, la commerciante Cinzia Ragaini, padre Riccardo Sparapan, e il titolare di un’agenzia di viaggi Gabriele Cingolani per tratteggiare le difficoltà che sta vivendo l’indotto del turismo devozionale come conseguenza dell’emergenza pandemica. Pieroni in particolare, numeri alla mano, ha ricordato che «a fronte degli 800 pullman che hanno raggiunto la nostra città nel 2019, tra gennaio e giugno del 2020 ne sono arrivati solo 8 e quest’anno zero. Come tutte le città santuario internazionali siamo in grande difficoltà pertanto rivolgo un appello forte al Governo e alla Regione perché siano attenzionate le realtà che come Loreto vivono di flussi turistici religiosi. Temiamo che la ripartenza avverrà un anno dopo quella del turismo balneare». «Insomma avremo parecchi danni ancora per un po’» ha commentato con una punta di amarezza e prima dei saluti Bruno Vespa. Il servizio andato in onda ieri sera su Rai Uno, è stato seguito da 1.035.000 telespettatori (share 10%) e si è dimostrato una importante vetrina promozionale per la città mariana.

Venerdì Santo di protesta per i commercianti di Loreto

Città santuario, il Governo cancella bonus: la protesta dei commercianti nelle piazze di Loreto, Assisi e Cascia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X