facebook rss

Presidenza Authority, Mangialardi:
«Azzerare l’iter per la nomina di Africano»

ANCONA - Le parole del capogruppo dem in Consiglio Regionale sulla bocciatura in Commissione Trasporti del Senato del nome indicato dal ministro Giovannini come successore di Rodolfo Giampieri
Print Friendly, PDF & Email

Maurizio Mangialardi

 

«Le lotte di potere che le segreterie romane di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia continuano irresponsabilmente a combattere utilizzando come terreno di scontro le Marche, complice la debolezza politica e la subalternità della giunta Acquaroli, rappresentano un grave rischio per il tessuto economico, sociale e istituzionale della nostra regione. La bocciatura di Matteo Africano in commissione Trasporti al Senato ne è la più palese dimostrazione. Infatti, di fronte alla necessità di iniziare a programmare il rilancio degli scali marchigiani, ma soprattutto di intercettare le risorse messe a disposizione dal Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, l’Authority si ritrova ancora oggi ferma al palo, priva del suo vertice decisionale, mentre nel resto d’Italia tutti gli altri corrono». Così il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi commenta la bocciatura della Commissione Trasporti al Senato di Matteo Africano quale nuovo presidente della Autorità portuale. Tra i voti contrari, quelli di Pd e Forza Italia, Lega astenuta. Oggi il voto alla Camera per varare o meno la nomina proposta dal ministro Enrico Giovannini su input del governatore Acquaroli.  «Rispondendo alle interrogazioni presentate in consiglio regionale dal Partito Democratico – incalza Mangialardi – Acquaroli aveva garantito sull’alto profilo e le competenze di Africano. Garanzie, a quanto sembra, che si sono inesorabilmente sgretolate nel corso delle audizioni parlamentari. Si capisce bene, ora, come pur di assecondare logiche completamente estranee ai bisogni del territorio, Acquaroli non abbia esitato un secondo ad affossare il percorso di crescita tracciato dall’ex presidente Giampieri, dalle istituzioni locali e dalle imprese locali che operano nel porto di Ancona. Spero che ora ci sia l’intelligenza di azzerare l’iter per la nomina di Africano, avviando contestualmente quel confronto con il territorio che fino a oggi è stato negato, per giungere a un nome davvero condiviso e che ponga lo sviluppo infrastrutturale ed economico del porto di Ancona al primo punto dell’agenda dell’Authority, anziché le inutili schermaglie politiche tra Salvini e Meloni».

Presidenza Authority, ‘bocciata’ in Senato la nomina di Matteo Africano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X