facebook rss

Nasce “Ospedale Sicuro”,
lo sportello-reclami virtuale
di Anaao Assomed Marche

ANCONA - Il sindacato dei medici ospedalieri attraverso il proprio portale web è pronto a ricevere le segnalazioni anche anonime corredate di materiale fotografico o comunque documentale di eventuali disservizi nelle strutture sanitarie inviate sia da operatori sanitari che da cittadini
Print Friendly, PDF & Email

Oriano Mercante

 

Prosegue l’impegno di Anaao Assomed Marche, sindacato di medici e dirigenti sanitari, a contribuire a rendere la sanità pubblica sempre più a misura di cittadino. Nasce infatti l’iniziativa “Ospedale Sicuro”. Si tratta – fa sapere una notadel sindacato medici ospedalieri – di uno sportello virtuale attivo H24 messo a disposizione dal sindacato regionale attraverso il proprio sito www.anaao-marche.org al quale ci si può rivolgere per inviare una segnalazione anche anonima corredata di materiale fotografico o comunque documentale nel quale sia gli operatori sanitari che i cittadini marchigiani possono riferire di eventuali disservizi, situazioni che rendono critico lo svolgimento delle proprie attività lavorative in sanità, criticità legate alla sicurezza e ogni altra fattispecie di problematica legata a questo settore. «Anaao Assomed Marche si impegna a recepire queste segnalazioni e a verificarle mettendo poi in essere tutte le azioni necessarie per far sì che la situazione individuata come effettivamente critica venga sanata» – ha detto il segretario Oriano Mercante. «Il principio di questo nuovo strumento – spiega – è quello per il quale, essendo noi strenui difensori della sanità pubblica, proprio al fine di tutelarla, riteniamo che debba essere esente da ogni sacca di immunità che si possa creare nel conflitto tra controllato e controllore». Cittadini-pazienti, medici, operatori sanitari e semplici fruitori dei servizi della sanità pubblica possono contribuire a migliorare il servizio. «E’ un percorso di civiltà – ha concluso Mercante – e contiamo sul contributo di tutti i marchigiani».

 

«Inrca Osimo, il serbatoio dell’ossigeno non protetto dal rischio esplosioni: un pericolo per i degenti e i residenti»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X