facebook rss

Maxi rissa fuori dal Miu,
accoltellamento e carabinieri feriti:
quattro giovani arrestati (Video)

IN MANETTE tre ragazzi dell'Anconetano e uno del Maceratese: devono rispondere anche di danneggiamento e lesioni, nonché uno di loro di tentato omicidio. Sono tutti in carcere, a Pesaro
Print Friendly, PDF & Email
Clicca su

 

Maxi rissa all’alba fuori dal Miu Discodinner di Mondolfo, quattro ragazzi arrestati: tre sono dell’Anconetano, il quarto, un 23enne originario del Senegal, vive a Tolentino. Nel primo gruppo rientrano due 25enni originari dell’Albania ma residenti nel capoluogo dorico e un dominicano di 33 anni che vive a Jesi. 

Un carabiniere aggredito

Sono stati tutti ammanettati ieri mattina dai carabinieri al termine della mattinata di follia che ha portato all’accoltellamento di un ragazzo, al ferimento di due carabinieri del Norm di Fano e al danneggiamento dell’auto di servizio. Il quartetto fermato si trova nel carcere di Villa Fastiggi di Pesaro in attesa dell’udienza di convalida prevista per domani pomeriggio alle 14,30. Tra i reati contestati a vario titolo ci sono rissa, lesioni personali e danneggiamento. Uno dei due albanesi è anche accusato di tentato omicidio per la coltellata sferrata  a un africano. Le indagini dell’Arma vanno avanti per cercare di identificare altri ragazzi potenzialmente coinvolti nella bagarre di sangue. Una violenza nata da cause che si stanno cercando di ricostruire (l’ipotesi è una lite tra due comitive) e che, in primis, ha portato all’accoltellamento di un giovane africano, trasportato all’ospedale di Pesaro con una ferita all’addome. Non sarebbe in pericolo di vita. Le immagini e i video dell’inferno scatenatosi a Mondolfo e diffuse sui social sono un misto di violenza, rabbia, urla e richieste disperate di aiuto da parte di alcuni ragazzi, usciti dal locale dopo la fine dell’evento Metropoly of Music, serata che si ripete ogni venerdì, dalla cena fino a colazione. Dai video si vedono almeno tre ragazzi differenti rincorsi e picchiati, anche da terra. Uno ha la camicia intrisa di sangue. Qualcuno, dopo aver assistito all’apice della violenza, intima a un carabiniere: «Devi tirare fuori la pistola». Militari la cui auto è stata accerchiata e la carrozzeria danneggiata a suon di pugni. Un carabiniere è anche stato cinto da un giovane. La difesa dei quattro arrestati è affidata agli avvocati Gabriele Galeazzi, Michele Carluccio, Jacopo Casini Ropa e Marco Romagnoli.

(Redazione CA)

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X