facebook rss

Anthropos regina nell’atletica,
17 medaglie agli Italiani Fisdir

I SUCCESSI dei portacolori della società di Civitanova ai campionati paralimpici di Nuoro: 11 ori, 5 argenti e un bronzo. L’osimano Gaetano Schimmenti argento individuale nei 200 metri, l'anconetano Luigi Casade, imbattibile nel giavellotto, conquista l’argento nel peso
Print Friendly, PDF & Email

 

Gruppo-Anthropos

Il gruppo dell’Anthropos Civitanova

 

Si sono concluse poco fa a Nuoro le gare dei Campionati Italiani Fisdir di atletica leggera. L’Anthropos era presente con 10 suoi campioni (assente Dieng in rientro dopo i prestigiosi risultati di Tokyo), ed ha confermato di essere sempre la squadra da battere nell’atletica paralimpica italiana. Su 22 prove disputate sono stati ben 11 i titoli Italiani conquistati, con 2 record nazionali, oltre a 5 argenti e 1 bronzo.

Staffetta-Brengola-Koutiki-Schimmenti-Di-MaggioPer il maltignanese Ruud Koutiki una quaterna di ori, a partire dai 200m, dove batte il compagno di squadra Di Maggio in una grande volata, nei 400m e nelle staffette 4×100 e 4×400. A ruota il palermitano Raffaele Di Maggio, oro nei 100m, argento nei 200, e oro nelle due staffette. Non si nasconde Alessio Talocci di Fara in Sabina grazie al doppio oro nel peso e nel disco, dove migliora il suo precedente primato italiano di 32,98m portandolo a 34m. Il dorico Luigi Casadei (in collaborazione con la Stamura Ancona) conferma di essere imbattibile nel giavellotto e conquista l’argento nel peso. L’altro palermitano, Fabrizio Vallone, al rientro da un infortunio, si conferma campione italiano nei 5000m, ma deve accontentarsi dell’argento nei 10000m.

Corallini-e-Di-MaggioOttimo anche il civitanovese Federico Mei, ancora campione italiano nei 5000m marcia e sul terzo gradino del podio negli 800m. L’altro civitanovese, Carlo Corallini, si aggiudica il titolo nel salto triplo e rimane ai piedi del podio nel salto in lungo. L’elpidiense Gabriele Brengola conquista l’argento nei 400m, ma anche due ori nelle staffette. Per l’osimano Gaetano Schimmenti (in collaborazione con l’Atletica Osimo Asd) argento individuale nei 200m, quarto posto nei 100m e due titoli italiani con le staffette. Bravo, al rientro da lungo stop, Adolf Agyemang di poco fuori da podio. Le staffette 4×100 e 4×400 erano entrambe composte da Di Maggio, Koutiki, Schimmenti e Brengola. La 4×100 ha stabilito il nuovo primato italiano a 46”83 migliorando il precedente, che già le apparteneva, di 47”62. Il presidente Nelio Piermattei: «Non avevo dubbi sui risultati, in quanto i ragazzi sono giunti all’appuntamento in gran forma, a parte Fabrizio che rientrava dall’infortunio. Bravi tutti gli allenatori che hanno saputo condurre una stagione ancora condizionata, nei tempi e nei calendari, dal Covid».

 

Talocci

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X