facebook rss

Green Pass obbligatorio,
Confindustria: «Nessun disagio»

IL PUNTO del presidente Pierluigi Bocchini: «Grazie alla collaborazione di imprese, istituzioni, sindacati e lavoratori, tutto è filato liscio in fase di accesso ai luoghi di lavoro, sia nelle grandi aziende che nelle piccole»
Print Friendly, PDF & Email

Pierluigi Bocchini, presidente Confindustria Marche Nord

 

«Nonostante le preoccupazioni di molti, oggi, primo giorno di obbligo di controllo del green pass ai lavoratori, non ci sono arrivate dalle nostre aziende associate particolari segnali di disagio. Grazie alla collaborazione di imprese, istituzioni, sindacati e lavoratori, tutto è filato liscio in fase di accesso ai luoghi di lavoro, sia nelle grandi aziende che nelle piccole». Pierluigi Bocchini, presidente di Confindustria Ancona, esprime soddisfazione il giorno dell’entrata in vigore dell’obbligo del green pass per accedere nelle aziende sia pubbliche che private. A parte i disagi nella zona del porto sembra infatti che le aziende della provincia abbiano affrontato Il G-Day senza particolari criticità.  «Non abbassiamo comunque il livello di guardia: oggi è venerdì, è possibile che alcuni che non si sono presentati al lavoro approfittino del fine settimana per fare il tampone e poter rientrare in regola lunedì. Ribadisco la necessità di affrontare questo periodo con grande senso di responsabilità e di lavorare insieme alle altre parti sociali ed alle istituzioni ad un nuovo patto sociale che possa fungere da vero deterrente per ogni estremismo» ha concluso Bocchini.

Mobilitazione dei ‘No green pass’: blocco stradale in via Mattei, corteo agli Archi (Foto/Video)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X