facebook rss

Maxi furto alla Italpolimeri
ladri in trasferta da Cerignola:
5 arresti dopo l’inseguimento (Video)

OSIMO - La banda è stata sorpresa a mezzanotte in flagranza di reato nell'azienda sulla Statale 16 dalla vigilanza privata ed è scattata l'articolata operazione dei carabinieri per bloccare autisti e mezzi pesanti in fuga con un carico di 50mila euro di materie plastiche in opposte direzioni di marcia sulla Adriatica, verso i caselli autostradali di Ancona Sud e di Loreto-Porto Recanati
Print Friendly, PDF & Email

In trasferta con tre camion da Cerignola entrano all’Italpolimeri di Osimo per rubare un carico di materie plastiche, ma il piano va a monte perchè arrivano i carabinieri e li arrestano.

La traduzione degli arrestati dal comando di via Saffi a Osimo nel carcere di Montacuto di Ancona

L’assalto è avvenuto poco prima della scorsa mezzanotte nella ditta che si affaccia sulla Statale 16. I carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Osimo, diretti dal luogotenente Giuseppe Esposto e con il coordinamento del maggiore Luigi Ciccarelli, hanno sorpreso in flagranza di reato i 5 uomini della banda, 50enni tutti di origine pugliese e già noti alle forze dell’ordine.

Sono stati arrestati in nottata con l’accusa di furto aggravato in concorso. Erano già riusciti a forzare il cancello della ditta e un ingresso per infilarsi all’interno e stavano caricando il primo camion con i bancali di materie prime in granuli, quando nella tarda serata di ieri è arrivato il personale della vigilanza Axitea per la consueta ispezione. Un imprevisto che deve aver accelerato la scelta del gruppetto di scappare solo con una parte della merce del valore commerciale di circa 50mila euro, stipata su un camion. Il secondo mezzo pesante è invece partito vuoto, il terzo si era tenuto lontano dal contesto. A quel punto è scattato l’inseguimento dei carabinieri che, con un’azione sinergica e strategica, sono riusciti a bloccare tutti e 5 i componenti della banda in fuga su direzioni stradali opposte nel tentativo di seminare i militari.

Il maggiore Luigi Ciccarelli, comandante della Compagnia Carabinieri di Osimo

Un camion è stato fermato all’imbocco del casello di Ancona Sud, l’altro all’ingresso del casello di Loreto-Porto Recanti dove lo attendeva anche il terzo mezzo pesante. In realtà fin dalla prima mattina di ieri i militari stavano monitorando con diverse pattuglie, anche con auto civetta e personale in borghese, gli strani movimenti dei tre mezzi, che in alcuni momenti della giornata erano stati visti posteggiati sul piazzale del ‘Josephine’ di Castelfidardo (altri in movimento solo con le motrici) e di due vetture sulle quali erano saliti a bordo alcuni autisti per muoversi forse più agevolmente durante la giornata festiva nell’area industriale-commerciale lungo la direttrice Osimo Stazione-Ikea di Camerano. Stamattina, mentre gli arrestati cerignolani venivano accompagnati nel penitenziario di Montacuto di Ancona, tra la curiosità generale per le strade di Osimo sono risuonate le sirene delle auto di ordinanza dei carabinieri.

Il luogotenente Giuseppe Esposto, nuovo comandante del Norm dei Carabinieri di Osimo

E’ attesa forse già per domani mattina l’udienza di convalida dell’arresto nel carcere dorico. Le indagini proseguono per  accertare se gli stessi camionisti fossero sulla scena di altri furti avvenuti, soprattutto la scorsa estate, in aziende dalle aree industriali a sud di Ancona, tra Osimo Stazione e Monte Camillone di Castelfidardo.

(Redazione CA)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X