facebook rss

Vaccini, l’appello di Nadia Storti:
«Serve senso di responsabilità
verso familiari e colleghi di lavoro» (Video)

COVID- La dg dell'Asur Marche, oggi in visita all'Univpm di Ascoli, rinnova l'invito a chi non si è sottoposto neppure alla prima somministrazione ma anche a chi crede di essere immune da qualsiasi contagio: esistono le varianti e si può contrarre il virus senza ammalarsi ma trasmettendolo agli altri
Print Friendly, PDF & Email

 

Oggi, martedì 9 novembre, in occasione dell’inaugurazione del Corso di Laurea in Fisioterapia della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Politecnica delle Marche, il direttore generale dell’Asur Marche, Nadia Storti, ha fatto il punto della situazione sui vaccini, quelli fatti e quelli ancora da fare. E ha rinnovato l’appello sia a chi non si è sottoposto neppure alla prima somministrazione che a coloro che credono di essere salvi da qualsiasi contagio: esistono le varianti e si può contrarre il virus senza ammalarsi ma trasmettendolo agli altri.

 

Nadia Storti

«Sono partite le terze dosi in tutte le Marche, abbiamo vaccinato la popolazione ultraottantenne e sopra i sessant’anni – dice – l’importante è che la gente capisca che in questo momento in cui c’è una ripresa della pandemia, non tanto in Italia ma negli altri Paesi la diffusione è molto rapida, ci si deve sottoporre alla terza dose a partire dalle categorie più fragili, quindi i soggetti portatori di malattie croniche, che possono essere chiamati direttamente dai nostri centri, diabetici e oncologici, mentre tutti gli altri possono rivolgersi in tutti i punti di vaccinazione territoriale anche senza prenotazione.

A tal proposito – aggiunge la Storti – sarebbe utile scaricare dal sito il consenso informato per evitare di fare le file per sottoscriverlo. E’ importante vaccinarsi anche nel caso in cui il tasso degli anticorpi è moto elevato perché dopo sei mesi la “memoria” si riduce, per cui dobbiamo rinforzare la nostra memoria immunitaria. Presto inizieremo la terza dose anche sotto i 60 anni ma un richiamo voglio farlo alla fascia di età 39-59 anni dove la percentuale dei non vaccinati, senza nemmeno la prima dose, ancora è molto elevata. Si tratta di persone giovani che non hanno patologie, ma diventano vettori del virus che può andare a colpire, in forma anche grave, soggetti più fragili. Occorre il senso di responsabilità nei confronti delle altre persone, in primis familiari e compagni di lavoro.

La situazione negli ospedali marchigiani – spiega – è sotto controllo se pensiamo che esattamente un anno fa avevamo centinaia di persone ricoverate in Terapia Intensiva. Ora sono molte di meno, però aver superato il 10% fa porre particolare attenzione. Non dimentichiamo che oltre il 70% dei soggetti che vanno in Terapia Intensiva non sono vaccinati, o con una vaccinazione incompleta, per cui dobbiamo prevenire con la vaccinazione senza dimenticare l’uso delle mascherine e il distanziamento. Anche per i vaccinati che non devono pensare di esser salvi da qualsiasi contagio, perchè esistono le varianti, e possiamo contrarre il virus, non ammalarci ma trasmetterlo agli altri.

Per quanto riguarda i posti letto ordinari, in Semi Intensiva – conclude il direttore generale dell’Asur Marche – abbiamo ancora un margine molto elevato. Sono invece aumentati quelli di post-acuzie perché gli anziani positivi, anche se asintomatici, preferiamo tenerli sotto controllo con i ricoveri».



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X