facebook rss

Ancona Matelica, nessun positivo
al nuovo ciclo di tamponi

SERIE C - Il gruppo biancorosso questa mattina ha effettuato un ulteriore controllo: negativi tutti i test. Nel frattempo prosegue bene il recupero dall'infortunio dell'attaccante Filippo Berardi
Print Friendly, PDF & Email

 

Berardi insieme al ds Micciola

Il ciclo di tamponi a cui l’Ancona Matelica si è sottoposta questa mattina non ha riscontrato nessuna ulteriore positività nel gruppo biancorosso. Tutti i tamponi effettuati hanno dato esito negativo. Le sedute di allenamento, sempre in forma individuale, riprenderanno nella giornata di martedì. Nel frattempo, prosegue bene il percorso di recupero dell’attaccante Filippo Berardi. Dopo l’infortunio al crociato e l’operazione effettuata ai primi di agosto, circa un mese fa è rientrato in gruppo ed ha iniziato la seconda parte del percorso di recupero riguardante il ritorno in campo. Sotto la supervisione del responsabile sanitario Giorgio Del Gobbo, del responsabile recupero infortunati e riatletizzazione Gianni Secchiari e del preparatore atletico Alberto Virgili, Berardi ha iniziato il lavoro specifico finalizzato alla sua ripresa tra palestra e campo.

In questo momento, sta alternando fasi dell’allenamento che può svolgere in gruppo, quando le esercitazioni proposte per intensità, volume e spazi di gioco lo consentono, ad altre fasi in cui svolge un lavoro differenziato specifico. Non è ancora pronosticabile una tempistica precisa di rientro, ma settimana dopo settimana si procederà alla sua valutazione, tenendo conto di tutti i parametri necessari, sia riguardanti la salute del ginocchio che quelli neuro muscolari dell’arto inferiore in toto. «A cinque mesi dall’operazione – ha commentato Berardiogni giorno che passa mi sento meglio. Purtroppo per questo tipo di infortunio bisogna stare attenti e non fare le cose di fretta. Non vedo l’ora di scendere in campo, dato che non gioco una partita da diverso tempo ed ho una gran voglia di farmi conoscere da tutto l’ambiente. Il mio obiettivo è tornare ad essere convocabile il prima possibile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X