facebook rss

Giorno della Memoria, le iniziative a Jesi

COMMEMORAZIONE - Domani mattina il sindaco e il presidente del Consiglio comunale deporranno una corona di alloro sotto l’epigrafe che ricorda la più grande tragedia dell’umanità. In serata, al cinema teatro “Il piccolo” la proiezione del film “Vento di primavera”
Print Friendly, PDF & Email

Jesi, il palazzo comunale (foto Giusy Marinelli)

 

L’Amministrazione comunale di Jesi onora il Giorno della Memoria dedicato alla Shoah, la distruzione degli ebrei d’Europa, con delle iniziative dense di significati morali e civili. Domani, giovedì 27 gennaio, giorno della ricorrenza, alle 12,30, nell’atrio della Residenza municipale di Piazza Indipendenza, sotto l’epigrafe che ricorda la più grande tragedia dell’umanità, sarà deposta una corona d’alloro, alla presenza del sindaco Massimo Bacci e del presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi. Alle 21,15, al cinema teatro “Il piccolo” di Via San Giuseppe, dopo una breve introduzione e un intervento dell’Assessore alla cultura Luca Butini, sarà proiettato il film di Roselyn Bosch “Vento di primavera”, una produzione francese del 2010 di grande successo che racconta la deportazione degli ebrei parigini del luglio 1942, durante l’occupazione nazista della Francia.

«Quest’anno – ricorda il Comune di Jesi nella nota – cade l’ottantesimo anniversario dei fatti noti come la “Rafle du Velodrome d’Hiver”, ovvero la razzia, il rastrellamento del Velodromo d’inverno, dal nome dell’impianto sportivo costruito vicino alla Torre Eiffel per le gare di ciclismo su pista e in cui furono concentrati, tra il 16 e il 17 luglio 1942, oltre 13.000 ebrei della regione di Parigi, in maggioranza donne e bambini, prima di essere deportati al campo di transito di Drancy e successivamente al campo di lavoro e di sterminio di Auschwitz Birkenau. La memoria della “Rafle du Vel’ d’Hiv”, come viene comunemente chiamata in Francia, fu, se non rimossa, certamente sottaciuta nel lungo dopoguerra che portò la Francia alla svolta della Quinta Repubblica e ciò a causa della sua carica estremamente divisiva dello spirito pubblico del paese, obbligato a una profonda autocritica per la volonterosa collaborazione offerta dalle autorità francesi agli occupanti nazisti in particolare nella persecuzione e deportazione degli ebrei, unita a un’entusiastica propaganda antisemita alimentata da giornali e circoli intellettuali non proprio minoritari e residuali». La proiezione del film “Vento di primavera” di giovedì 27 gennaio sarà a ingresso libero fino a esaurimento dei 70 posti disponibili, senza prenotazione ma con green pass rafforzato obbligatorio e in un ambiente, il cinema teatro “Il piccolo” di Via San Giuseppe, tra i pochi a Jesi ad essere dotato di un sistema di riciclo automatico dell’aria. Inizio previsto alle 21,15 (info: www.comune.jesi.an.it).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X