facebook rss

«Mia figlia è morta, ora vi uccido»
Con un coltello semina
il panico al Salesi (Foto)

CHOC al Salesi di Ancona. L'uomo è partito da Macerata, dove vive, dopo aver visto tramite videochiamata la figlia sul letto d'ospedale sedata, a seguito di un delicato intervento chirurgico. Credendo fosse deceduta ha minacciato medici e infermieri. Alla fine si è arreso grazi all'intervento di un sacerdote
Print Friendly, PDF & Email

Carabinieri e 118 al Salesi

di Alberto Bignami

Va in ospedale e minaccia di uccidere medici e infermieri, credeva che la figlia fosse morta. Momenti drammatici quelli vissuti questa mattina al Salesi di Ancona, legati al dolore di un genitore che ha una figlia che sta male.

Carabinieri, 118 e Croce Gialla al Salesi

Era da poco trascorso mezzogiorno quando all’ospedale pediatrico di Ancona, stando alle prime informazioni, è arrivato un uomo di origine asiatica residente a Macerata. E’ entrato armato di un coltello che poi ha improvvisamente estratto e, visibilmente sotto choc, ha minacciato di uccidere tutti i medici e gli infermieri.
Momenti di tensione, a seguito dei quali è stato subito chiamato il numero di emergenza 112 che sul posto ha inviato le pattuglie dei carabinieri, l’automedica di Ancona Soccorso e le ambulanze della Croce Gialla.
Il tutto si è svolto nel cortile esterno del Salesi, lato via Panoramica.
L’uomo era visibilmente agitato perché ieri la figlia è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico.
In apprensione circa lo stato di salute della figlia, l’uomo aveva dunque chiesto di poterla vedere via web, effettuando una videochiamata.

Croce Gialla e carabinieri escono dal Salesi

Vedendo la ragazza  immobile sul letto perché sedata per il post operatorio, l’ha creduta morta. 
Partito da Macerata e direttosi ad Ancona dopo la videochiamata, il suo pensiero era quello di dover compiere qualcosa di estremo.
I carabinieri giunti sul posto insieme al personale medico e sanitario, hanno cercato di convincerlo a lungo, di spiegargli quale fosse la realtà.
Successivamente, è stato chiamato anche un prete, pure lui cattolico e asiatico.
E’ stato proprio l’uomo di chiesa a riuscire ad avvicinarlo usando le parole più opportune in quel momento di strazio. Pian piano, allungando la mano, è riuscito a farsi consegnare il coltello che ha poi preso e chiuso nella propria auto, continuando a spiegargli come stavano realmente le cose.
Il lungo dialogo si è poi concluso poco prima delle 14, quando sul posto è giunta anche la moglie dell’uomo che, tranquillizzato, è stato poi accompagnato, scortato dalle pattuglie dell’Arma, al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette per essere sottoposto a tutte le cure mediche del caso.
Nessuna persona è rimasta fortunatamente ferita e quella situazione, che sembrava poter degenerare da un momento all’altro, è dunque rientrata grazie al lavoro fatto dal parroco, carabinieri e 118.

Carabinieri al Salesi

I carabinieri escono dal Salesi

L’automedica del 118 Ancona Soccorso e i carabinieri escono dal Salesi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X