facebook rss

Un ‘salottino’ arredato con rifiuti
per fare bagordi al Piano

ANCONA - L'area era stata bonificata ma è tornata ad essere frequentata da persone che qui trascorrono tempo a bere e a fare uso di sostanze stupefacenti, viste anche le numerose siringhe a terra. I rifiuti si trovano ovunque ma, con l'App Junker che abbiamo testato, sono stati immediatamente portati via
Print Friendly, PDF & Email

Il ‘salottino’ creato nell’area verde da poco bonificata alle spalle dell’ex campo sportivo del Piano San Lazzaro

Era stato pulito, bonificato e reso fruibile grazie all’interessamento dell’assessore alla Sicurezza, Stefano Foresi che, tramite AnconaAmbiente e a seguito delle segnalazioni di residenti e polizia, aveva fatto togliere le centinaia di siringhe, lasciate a terra e infilzate sugli alberi, da tossicodipendenti che avevano quell’area verde, come punto di ritrovo.
Il parchetto, situato alle spalle dell’ex campo sportivo del Piano San Lazzaro, oggi trasformato in parcheggio gratuito, con il tempo è tornato però ad essere meta di sbandati.
A testimonianza di ciò, non solo sono le confezioni di fisiologiche utilizzate per consumare l’eroina ma pure le siringhe, tutte abbandonate a terra.
Qui, è stato creato un piccolo ‘salotto del buco’ dove ci si viene a iniettare la sostanza stupefacente oppure a bere birre e alcolici vari.
Il luogo si è trasformato in una discarica a cielo aperto con tanto di divanetto in legno dove, per comodità, è stato messo anche un cuscino.

Il ‘salottino’ creato nell’area verde da poco bonificata alle spalle dell’ex campo sportivo del Piano San Lazzaro

Nel caos creatosi, c’è anche chi ha pensato di gettare alcuni elettrodomestici poiché, è risaputo, il degrado richiama ulteriore degrado.
Qui, si trova un po’ di tutto, immondizia di ogni sorta: da stendini rotti a pannelli di mobili ed ecco che l’area verde, è tutto tranne che un piccolo parchetto.
La zona poi si affaccia sul parcheggio. La rete divisoria, è stata però tagliata volutamente in modo tale da permettere l’ingresso di persone ma, soprattutto, la fuga in caso arrivino le forze dell’ordine per effettuare un controllo.
Nel visionare la zona, abbiamo però voluto testare allo stesso tempo un’app, totalmente gratuita e utilizzabile in forma anonima, pubblicizzata per i Comuni serviti da AnconAmbiente, risultata davvero efficiente: Junker (disponibile sia per Android che iPhone).
Durante il sopralluogo, le foto sono state inviate anche tramite l’App e i rifiuti sono stati portati via in tempi brevi.
A rimanere invece, probabilmente, sarà il fatto che questo luogo, come avvenuto in precedenza, tornerà ad essere utilizzato per bivacchi di ogni sorta.

(al. big.)

Il ‘salottino’ creato nell’area verde da poco bonificata alle spalle dell’ex campo sportivo del Piano San Lazzaro

Alcuni rifiuti

Uno dei punti in cui la rete è stata tagliata

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X