facebook rss

Il rapper Murubutu ospite
di ‘Similitudini 2022’

JESI - Parteciperà a settembre al festival promosso dall’associazione Liberi Pensieri per la biblioteca Planettiana ed il Comune con un talk ed eseguirà alcuni brani live
Print Friendly, PDF & Email

Murubutu

 

 

Svelato il primo headliner della sesta edizione di Similitudini 2022, il Festival che si terrà, come di consueto, a settembre a Jesi. Ospite della rassegna, promossa dall’associazione Liberi Pensieri per la biblioteca Planettiana ed il Comune di Jesi che si propone di indagare la poesia da diverse angolature ed attraverso l’incontro con altre arti, sarà il rapper Murubutu, che farà un incontro-intervista ed eseguirà alcuni brani live. All’anagrafe Alessio Mariani, 48 anni, Murubutu è un rapper, cantautore e docente. Un mc che fa della propria parola lo strumento mediante cui diffondere cultura. Le sue esibizioni diventano ben presto riconoscibili, anche per l’insistenza nei suoi testi di temi politici e sociali. Un rap colto il suo, definito di ispirazione letteraria, a tratti teatrale, ma allo stesso tempo giovane ed accessibile a tutti grazie proprio al linguaggio dell’hip hop.

Attivo già dal 1991 con il collettivo da lui stesso fondato Kattiveria Posse, poi trasformato definitivamente nel 1999 in La Kattiveria, nel 2009 pubblica il suo primo album da solista Il giovane Mariani e altri racconti, e un paio di anni dopo con La bellissima Giulietta e il suo povero padre grafomane che riscuotono entrambi un notevole successo e allo stesso tempo mostrano le sue vere intenzioni, avvicinare le generazioni più giovani ad un rap che sia quanto più simile alle canzoni d’autore, fatto di un linguaggio colto, ricercato, notevolmente differente da quello della scena italiana. Negli anni collabora con artisti del calibro di Dargen D’Amico, Rancore, Ghemon, Caparezza, Mezzosangue e in ultimo, nel 2020, con Claver Gold. Al momento è in tourneé con il suo ultimo album appena pubblicato Storie d’amore con pioggia e altri racconti di rovesci e temporali e tra i suoi impegni ci sarà anche la partecipazione a Similitudini Festival.

Per la sesta edizione, l’associazione Liberi Pensieri di Trecastelli, curatrice della rassegna per la biblioteca Planettiana ed il Comune di Jesi, ha pensato al titolo “Rivelatrice come la poesia”, ponendo al centro il tema appunto della rivelazione. La poesia grazie alla sua brevità, alla presenza in numerosi ambiti della vita delle persone può permettere di capire un concetto e di vivere delle vere e proprie epifanie. Oltre all’appuntamento con Murubutu, saranno numerosi gli eventi in calendario per il 2022, tutti a settembre, e che saranno presto presentati. A questi si aggiunge una mostra permanente per tutta la durata della rassegna dell’artista Stefano W. Pasquini, risultato del contest poetico The Book of People concluso a maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X